Opel Mokka 2021, VIDEO PROVA SU STRADA della seconda generazione

Cambia tutto, ora è un’altra auto

Vi ricordate la vecchia Opel Mokka? Ecco, scordatevela completamente. Non perché fosse una brutta auto, anzi, ma semplicemente perché la Opel Mokka 2021 ha preso una strada diametralmente diversa, che secondo quanto preannunciato dagli stessi dirigenti della casa del Fulmine segnerà profondamente il futuro di Rüsselsheim. Anche per questo non vedevamo l’ora di metterci alla guida e l’abbiamo potuto fare in questo nostro primo contatto sulle strade di Milano.

Esteticamente è un’altra auto

Intendiamoci, la Opel Mokka 2021 è sempre un B-SUV come anche la sua illustre antenata introdotta nel 2021, ma questo nuovo progetto ha preso una direzione completamente diversa. Innanzitutto, parliamo dell’estetica: davanti a noi abbiamo una vettura con delle forme decisamente stravolte. Uno stile molto più netto, moderno e a tratti anche spigoloso, per quanto le proporzioni e le misure non siano cambiate poi di molto. La Mokka è però ora più corta di 12,5 cm, fermandosi a 4,15 metri, mentre la larghezza è ora di 1,78 metri (+ 10 mm), l’altezza è di 1,52 metri e il passo è di 2,56 metri (+ 2 mm). Sul frontale troviamo il vero simbolo di questa rivoluzione, ovvero la nuova calandra Vizor, ispirata alla Manta degli anni ’70 e d’ora in poi simbolo della produzione Opel. Non si tratta di una griglia, ma di un pannello lucido unico, con la griglia che invece viene spostata completamente sul fascione inferiore. I fari sono molto sottili e continuano l’estetica orizzontale concepita per aumentare la presenza su strada della vettura. Sono forniti a LED di serie, ma già con i primi allestimenti troviamo i nuovi fari a matrice IntelliLux LED, di cui abbiamo già avuto modo di parlare. Lo sviluppo orizzontale del design viene interrotto solamente dalla linea centrale del cofano, la cui rottura viene particolarmente accentuata grazie alla scelta della carrozzeria bicromatica, che non coinvolge solamente il tetto, come di solito avviene, ma anche la stessa copertura frontale (nel modello da noi provato c’è però il cofano coordinato con la carrozzeria). Sulla fiancata troviamo poche linee molto nette, con una copertura inferiore che alterna colore a contrasto e coordinato. Gli sbalzi sono ovviamente più contenuti, essendo aumentato il passo ma diminuita la lunghezza, mentre i cerchi in lega si propongono con un nuovo stile aggressivo e misure da 16 a 18 pollici. Il retro si caratterizza per l’unica concessione alla “rotondità”, ovvero con una linea del tetto e un lunotto che scendono donando alla Mokka uno stile quasi da coupé. I fari, angolari e sottili, racchiudono al centro del portellone il Blitz e sotto di esso troviamo il nome della gamma, che perde la “X” in ottica semplificazione dell’offerta di Rüsselsheim.

Quattro allestimenti e tecnologia in abbondanza

L’aspetto moderno e audace della Mokka si ripropone anche all’interno dell’abitacolo. Sono in tutto quattro gli allestimenti a disposizione per il B-SUV tedesco: Edition, Elegance, GS Line e Ultimate, in rigoroso ordine crescente per ricchezza e rifiniture. Quello che vedete nelle nostre immagini è il GS Line, ovvero il top di gamma più sportivo. La plancia è caratterizzata prima di tutto dalla nuova filosofia Pure Panel, composta dal pannello di vetro che racchiude dietro di sé i due schermi del sistema di infotainment, così da creare l’illusione di un unico grande schermo continuo. Il quadro comandi è composto da un unico display completamente digitale da 12 pollici, mentre l’infotainment vero e proprio arriva a 10 pollici, naturalmente compatibile sia con Apple CarPlay che con Android Auto. A livello di materiali è stato fatto un deciso passo avanti, con le coperture principali che sono quasi sempre almeno soft-touch, andando anche a trovare qualcosa di più pregiato con gli allestimenti più ricchi grazie a pelle e Alcantara. Queste ultime possono coprire anche i sedili ergonomici contenitivi, che possono integrare la funzione di massaggio e il riscaldamento. Molto classico il volante, che ci sarebbe invece piacito vedere più in linea con il resto dell’abitacolo. In compenso, però, troviamo il sistema di riscaldamento della corona, che d’inverno è una vera manna dal cielo. Nonostante l’ampia dotazione di schermi, sono comunque rimasti diversi pulsanti fisici per rendere immediatamente accessibili le funzioni più importanti del sistema. In compenso scompare la manopola del cambio automatico, sostituito in modo logico da una semplicissima levetta. Buono il bagagliaio, in linea con le medie di segmento: si parte da un minimo di 350 litri per poi arrivare a 1.105 litri con i sedili posteriori abbattuti.

Tre motori a disposizione, più la Mokka-e

La gamma motori della Opel Mokka 2021 è semplice e intelligente. Troviamo infatti due motori benzina e un diesel, completati ovviamente dalla Mokka-e 100% elettrica. Partendo dai benzina, parliamo di due 1.200 turbo rispettivamente con una potenza di 100 e 130 Cv, quest’ultimo equipaggiabile anche con il cambio automatico a 8 rapporti (altrimenti abbiamo un manale a sei marce). Il diesel è un 1.500 da 110 Cv di potenza, disponibile unicamente con il cambio manuale. Infine, come detto, abbiamo l’elettrico: parliamo di un’unità da 136 Cv di potenza e 260 Nm di coppia immediatamente disponibili, la stessa che abbiamo avuto modo di vedere sulla Corsa-e, sulla Peugeot e-208 e sulla DS 3 E-Tense. La sua autonomia massima dichiarata è di 326 chilometri secondo il ciclo combinato WLTP, grazie alla sua batteria da 50 kWh. Secondo i dati dichiarati dalla casa, la Mokka-e è capace di ricaricare fino all’80% dell’autonomia in 30 minuti grazie alle colonnine a ricarica rapida.

Viaggio confortevole e ottima visibilità

L’autonomia della Opel Mokka 2021 elettrica ha trovato conferma nella nostra prima prova su strada. Abbiamo potuto percorrere solamente pochi chilometri, per cui per una verifica più approfondita vi diamo appuntamento ad una futura puntata della nostra serie in esclusiva Com’è & Come Va. Nel frattempo, però, dobbiamo riconoscere che anche le indicazioni del computer di bordo circa il numero di chilometri rimasti da percorrere sembrano promettenti. Ci siamo cimentati in un breve percorso per le strade di Milano in un giorno lavorativo, quindi parliamo di una situazione di traffico intenso e continue fermate con relative ripartenze a semafori e incroci. Il segnalatore ha continuamente rispettato la distanza effettiva percorsa secondo il contachilometri, una precisione che raramente avevamo visto su altre elettriche. Il tutto, ovviamente, accompagnati dal silenzio che l’insonorizzazione dell’abitacolo e la natura del motore elettrico garantiscono. Anche sulla Mokka-e è disponibile il selettore delle modalità di guida, con il quale non abbiamo giocato più di tanto proprio per verificare l’efficacia dell’autonomia. Abbiamo però provato la modalità “Brake”, che massimizza l’efficacia del freno motore ai fini del recupero dell’energia cinetica. Non è una vera modalità a pedale unico, quindi dovremo comunque agire sul freno per fermarci, ma la sua efficacia sembra molto promettente. Il recupero dell’energia viene garantito anche dal fatto che a inizio frenata le pinze non agiscono immediatamente sul disco, riservando l’iniziale perdita di velocità al risparmio energetico.
Passando al più tradizionale 1.200 turbo benzina da 130 Cv il discorso ovviamente cambia. Abbiamo a che fare con una meccanica agile e pratica, con la giusta potenza per questo tipo di vettura. I suoi consumi, sempre restando all’interno del ciclo misto WLTP, si assestano intorno ai 6 litri/100 km, pari a circa 16-17 km al litro. L’esperienza di guida è piuttosto confortevole, grazie in particolare alle sedute, molto comode e ben regolabili. Un punto di forza della nuova Opel Mokka secondo noi è la visibilità: davvero eccellente su tutti i quattro lati, grazie a dei montanti resistenti ma non per questo enormi, viene ulteriormente esaltata dal fatto che il cofano, in posizione quasi parallela al manto stradale, sia perfettamente visibile dal guidatore, consentendo una percezione molto precisa degli ingombri. Le sospensioni sono ben calibrate e si sono comportate bene anche quando abbiamo affrontato un tratto di pavé, molto comune nelle nostre città. Il volante è incredibilmente preciso, quasi senza alcuna zona di vuoto, e questo può rappresentare sia un vantaggio che uno svantaggio, dato che alla precisione di manovra si associa un sistema che non perdona alcun errore di traiettoria. A questo proposito, però, ci vengono in aiuto i sistemi ADAS di guida semi-autonoma (ben 16 a disposizione), che comprendono anche i più popolari come il cruise control adattivo, la frenata di emergenza, la sorveglianza dell’angolo cieco e il controllo attivo della corsia.

Quanto costa la nuova Opel Mokka 2021?

La Opel Mokka 2021 è già disponibile e sarà protagonista di un porte aperte nel weekend del 20-21 marzo prossimi. Il prezzo di partenza per la versione con allestimento Edition e il 1.200 turbo benzina da 100 CV è di 22.200 €, mentre il 1.500 diesel da 110 Cv parte da 23.700 €. Infine la Opel Mokka-e 2021 parte da 35.250 €, ma ricordiamo che occorre calcolare anche gli incentivi statali più lo sconto del marchio, che abbattono il prezzo in caso di rottamazione fino a 11.000 €.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Design moderno e accattivante. Tanta tecnologia. Mokka-e molto sincera per l’autonomia.Volante molto preciso, forse persino troppo. Manca Apple CarPlay wireless.

Opel Mokka 2021: Scheda Tecnica

Dimensioni: 4.150 mm lunghezza x 1.791 mm larghezza x 1.523 mm altezza x 2.557 mm passo
Motore: 1.2 turbo benzina da 100 e 130 CV, 1.5 diesel da 110 Cv, elettrico da 136 Cv
Trazione: anteriore
Cambio: manuale a 6 marce o automatico a 8 rapporti
Accelerazione: da 0 a 100 km/h in 9,2’’ (1.2 turbo benzina 130 CV)
Velocità massima: 202 km/h (1.2 turbo benzina 130 CV)
Allestimenti: Edition, Elegance, GS Line, Ultimate
Bagagliaio: da 350 litri a 1.105 litri con i sedili reclinati
Consumi: 4,4 litri/100 km WLTP (1.5 diesel 110 CV)
Autonomia: 326 km (Elettrico)
Prezzo: Da 22.200 €
Classe: Euro 6d

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    1 commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Giuseppe Ghidorzi ha detto:

      Posseggo da quattro anni una Mokka turbo 4×4 accessoriata ho chiesto alla mia concessionaria il costo scontato dal prezzo della mia vettura mi è stato risposto all’incirca 15.000€ però la nuova Mokka non prevede la trazione 4×4, cosa ne pensate di questa carenza per un suv.
      Giuseppe Ghidorzi

    Articoli correlati