Peugeot 308 Cabrio: così ci si gode la guida col vento tra i capelli [RENDER]

Immaginando una versione "aperta" della nuova 308

Peugeot 308 Cabrio: così ci si gode la guida col vento tra i capelli [RENDER]

La nuova Peugeot 308, terza generazione della berlina compatta del Leone che si è rinnovata in maniera significativa anche sotto l’aspetto estetico, ispira la creatività di Ascariss Design che ha realizzato un nuovo render che immagina una versione cabriolet della vettura.

La Peugeot 308 Cabrio, che va ad ipotizzare un ampliamento della gamma del modello della Casa francese, della quale farà certamente parte la 308 SW, si presenta in questa riproduzione digitale con lo stesso impianto stilistico della nuova generazione della 308. Anche in questo caso dunque risalta l’evoluzione del design sul frontale, caratterizzato dalla presenza della griglia aggiornata, con il nuovo logo del Leone al centro, e della nuova configurazione dei gruppi ottici “ad artigli”. 

Tre porte e addio tetto

La trasformazione della carrozzeria da coupé a cabriolet della nuova Peugeot 308 prevede ovviamente una serie di modifiche, a partire dalla passaggio dalle cinque alle tre porte. Il render della Peugeot 308 Cabrio prevede poi la rimozione del tetto in metallo, con la presenza dei montanti anteriori a reggere il parabrezza, mentre più dietro l’intero abitacolo “si apre” lasciando scoperti gli interni di una cabrio quattro posti dotata comunque di un suo fascino.

Tuttavia tale modello è destinato a rimanere nella fantasia degli appassionati, dato che Peugeot non ha certo in programma la realizzazione di un’auto che, per quanto apprezzabile esteticamente, rimarrebbe una vettura di nicchia, lontano dunque dalle logiche dei volumi profittevoli e sostenibili necessari alle Case automobilistiche. 

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati