Esame patente: un uomo polacco è stato bocciato 192 volte

È un record europeo, mentre a livello mondiale...

Esame patente: un uomo polacco è stato bocciato 192 volte

Superare l’esame per la patente al primo tentativo non è scontato e sono numerosi gli automobilisti che hanno dovuto ricorrere a qualche sessione successiva, prima di poter finalmente guidare liberamente. Ma quanto accaduto ad un 50enne polacco va ben oltre l’immaginazione: è stato bocciato all’esame per ben 192 volte.

Ci sta provando da 17 anni

L’eterno candidato (il cui nome non è stato rivelato) della città di Piotrkow Trybunalski, una cittadina non molto distante da Varsavia, ha iniziato i suoi tentativi ben 17 anni fa, senza però mai riuscire ad arrivare al traguardo finale. Secondo quanto riportato dal sito NFP (Notes from Poland), ha speso quasi 6.000 zloty (1.300 euro) come tasse d’esame.

Le 192 volte bocciature rappresentano un record europeo, anche se a livello mondiale nel 2009 era stata riportata una donna in Corea del Sud bocciata per addirittura 950 volte, prima di ottenere l’agognata patente. Anche se ci sono molti dubbi sulla veridicità di questo dato, che pare obiettivamente fuori dalla realtà.

”Ci vorrebbe un tetto massimo”

Secondo i dati diffusi dal centro di controllo stradale, in Polonia gli automobilisti superano il test teorico di media al secondo o terzo tentativo, anche se c’era già stato il caso di un candidato bocciato oltre 100 volte, prima di superare l’esame.

Al momento, in Polonia non c’è un tetto massimo di tentativi. E, dopo questo caso, si sta discutendo sulla situazione: “Ci dovrebbe essere un regolamento che proibisce ad un candidato di sostenere l’esame più di 20 o 30 volte – dice un istruttore di guida – Se qualcuno ignora le regole o non le conosce, può rappresentare un pericolo”.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati