L’Alfa Romeo Milano fotografata fresca di fabbrica

L’Alfa Romeo Milano fotografata fresca di fabbrica

Ci sarà voluta un’impresa degna di Diabolik per uscire dallo stabilimento dell’Alfa Romeo con queste foto, ma ne è valsa decisamente la pena. Queste immagini, evidentemente scattate con un cellulare, hanno fatto il giro del mondo attraverso Facebook e fornisce una visione completa al 100% della nuova creatura della casa milanese. Più lunga della MiTo, la Milano cinque porte possiede un design completamente nuovo ispirato all’Alfa 8C Competizione. Questo include la fanaleria di forma ovale, le linee del cofano con la profonda griglia frontale. Cambiano, invece, i fanali anteriori.

Come nella 147, di cui la Milano è l’erede, le maniglie delle porte posteriori sono mimetizzate per donare alla vettura un look più omogeneo, dando inoltre l’impressione da lontano di stare guardando una tre porte sportiva. Dal carattere sportivo, del resto, sono gli interni e il cruscotto, che mantengono lo stesso stile della MiTo e della 159.
Non è ancora chiaro se la Milano verrà lanciata in Europa entro la fine dell’anno oppure nel 2010, ma è probabile che verrà offerta dotata di motori da 1,4 e 1,75 litri turbo quattro cilindri a benzina, con potenze fino a 200 CV. Disponibile, ovviamente, anche l’attuale gamma di motori diesel della casa del biscione.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

5 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ant ha detto:

    Boh… non è che sembri bellissima: bisognerebbe vederla dal vivo

  • anonimo ha detto:

    Ma delle foto più decenti no?

  • maurizio ha detto:

    si tratta, come specificato nell’articolo, di foto scattate con un cellulare in fabbrica e non di foto ufficiali.

  • Paolo ha detto:

    Il posteriore è molto bello e sostanzialmente è simile a quello della 147. L’anteriore non mi piace proprio, poi magari dal vivò sarà tutt’un altra cosa, chissà!

Articoli correlati