False revisioni auto a Napoli: i carabinieri denunciano 12 persone

Circa 4.000 i veicoli coinvolti che dovranno effettuare la regolare revisione

False revisioni auto Napoli - Sono stati in 12, tra titolari di centri di revisione e tecnici, a essere denunciati dai carabinieri di Napoli nel corso dell'indagine che ha scoperto un sistema di false revisioni auto. Tagliando applicato sui documenti senza che avvenisse l'effettivo collaudo dell'auto sul banco.
False revisioni auto a Napoli: i carabinieri denunciano 12 persone

I carabinieri di Napoli hanno scoperto un sistema di false revisioni auto che ha portato alla denuncia di 12 persone, tra titolari di centri di revisione e tecnici collaudatori, oltre al sequestro di materiale informatico.

I militari dell’Arma sono potuti intervenire dopo una lunga fase d’indagine nella quale grazie alle telecamere nascoste all’esterno dei centri di revisioni si vedevano proprietari di auto o tecnici a piedi portare i documenti di circolazione per apporre il tagliando della revisione effettuata. Peccato però che dell’auto da revisionare non ci fosse neanche l’ombra, infatti la pratica veniva completata in maniera fittizia attraverso dei software illegali in grado di simulare il collaudo come “reale” anche senza che il veicolo fosse lì presente.

I veicoli messi in strada dopo le false revisioni coinvolte in questa indagine sono circa 4.000 secondo gli investigatori. Gli automobilisti, che finora risultano ignari del sistema di falsificazione del collaudo messo in piedi, saranno richiamati per fare regolarmente revisionare la propria vettura. Non si tratta del primo caso del genere nel capoluogo campano dove poco più di un’anno fa, dopo un’indagine analoga, erano state denunciate 13 persone tra titolari di centri di revisioni, meccanici e tecnici.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati