BMW, la prossima M3 avrà 450 cavalli. Finisce l’era dei motori Motorsport aspirati

BMW, la prossima M3 avrà 450 cavalli. Finisce l’era dei motori Motorsport aspirati

Nel corso di un’intervista con la testata britannica AutoExpress, il Chief Executive Officer del reparto Motorsport della casa automobilistica tedesca BMW, il Dr. Friedrich Nitschke (non sarà parente – per assonanza – di un certo filosofo?!), ha descritto parzialmente la nuova generazione di M3, la versione sportiva del modello di segmento D BMW Serie 3, indicando alcune delle caratteristiche di questa tre volumi. Quali? I più interessanti: quelli meccanici.

La nuova generazione di BMW M3, oggi l’ultima vettura prodotta dalla divisione Motorsport con motore aspirato (viene equipaggiata con un propulsore 4.0 litri V8 benzina da 420 cavalli e 400 Nm di coppia massima; tutti gli altri modelli sono invece dotati del propulsore 4.4 litri V8 twin-turbo benzina), sarà più orientata al risparmio energetico ed all’efficienza dell’odierna variante: è lecito aspettarsi, dunque, minori consumi di carburante ed una dose minore di emissioni di anidride carbonica. Per far questo, dicono le indiscrezioni, la casa automobilistica BMW ha studiato un propulsore sovralimentato, con un sistema di tre turbine (con la nuova M3 F30, dunque, si concluderà l’epoca delle motorizzazioni aspirate per il reparto Motorsport): un motore – pare – 3.3 litri, sei cilindri in linea, che sarà capace di produrre 450 cavalli approssimativamente. La nuova BMW M3 sarà anche più leggera, grazie ai materiali compositi utilizzati per costruirla (come il CFRP), e sarà anche più sportiva, grazie al pacchetto estetico studiato per estrapolare maggiore aggressività dalla carrozzeria di BMW Serie 3.

Durante la stessa intervista, il manager Friedrich Nitschke ha chiarito che sono possibili tanto la sportiva BMW Z4M quanto la sportiva BMW M1, virtuale successore della prima, storica, vettura a portare questo nome. La divisione Motorsport, inoltre, sta preparando la versione CSL di BMW Serie 1 M Sport.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati