Guida senza patente: le regole e le multe

Guidare senza patente non è più un reato, ma ci sono delle eccezioni

Le sanzioni previste per chi guida senza patente dopo l'entrata in vigore del decreto sulle depenalizzazioni (decreto legislativo n. 8 del 15 gennaio 2016)
Guida senza patente: le regole e le multe

Per guidare un veicolo a motore non è sufficiente aver conseguito la patente di guida, ma il documento va sempre portato con sé.

Cosa succede a chi guida senza aver mai preso la patente o senza averla nel proprio portafoglio, oppure a chi guida con patente revocata? Vediamo tutte le sanzioni previste dalla legge.

 

Patente dimenticata: cosa succede

In base all’art. 180 del Codice della Strada, per poter circolare con un veicolo a motore bisogna portarsi dietro i seguenti documenti:

  • la carta di circolazione, il certificato di idoneità tecnica alla circolazione o il certificato di circolazione, a seconda del tipo di veicolo condotto;
  • la patente di guida valida per la corrispondente categoria del veicolo, nonché lo specifico attestato sui requisiti fisici e psichici, qualora ricorrano le ipotesi di cui all’articolo 115 comma 2 (limiti di età per guidare alcuni veicoli);
  • l’autorizzazione per l’esercitazione alla guida per la corrispondente categoria del veicolo in luogo della patente di guida di cui alla lettera b), nonché un documento personale di riconoscimento;
  • il certificato di assicurazione obbligatoria.

Cosa rischia chi si è dimenticato la patente a casa? La multa va da 41 a 168 euro, mentre se si tratta di ciclomotori le sanzioni sono minori e vanno da 25 a 99 euro.

Attenzione però. Entro un termine stabilito (di solito 24 ore) è obbligatorio presentarsi agli uffici di polizia per dare informazioni o esibire documenti ai fini dell’accertamento delle violazioni. Chi non lo fa rischia una multa da 419 a 1.682 euro.

 

Guida senza patente: non è più reato, ma le multe sono salate

Abbiamo visto il caso meno grave, quello cioè della patente dimenticata. Ora passiamo alle sanzioni previste per chi guida senza aver mai conseguito la patente.

Stando al decreto sulle depenalizzazioni (decreto legislativo n. 8 del 15 gennaio 2016) guidare senza patente non è più un reato. Recita infatti l’art. 1 comma 1: «Non costituiscono reato e sono soggette alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro tutte le violazioni per le quali è prevista la sola pena della multa o dell’ammenda».

Nella fattispecie, sono state depenalizzate la guida senza patente perché mai conseguita o perché revocata, la guida con patente non rinnovata, la guida con patente di categoria diversa da quella prescritta (ad eccezione del caso previsto dall’art. 116 comma 15-bis), la guida di macchina agricola od operatrice senza patente o con patente diversa, la guida di veicoli da parte di titolare di patente estera nonostante il provvedimento di inibizione alla guida in Italia e, infine, la guida con patente estera, diversa da patente UE o SEE, scaduta di validità da parte di persona residente in Italia da oltre un anno.

Sono ancora considerati reati la guida senza patente in caso di recidiva/reiterazione nel biennio e la guida senza patente da parte di persona sottoposta a misura di prevenzione.

Per quanto riguarda le sanzioni, stando l’art. 116 del Codice della Strada, guidare senza aver mai preso la patente può costare da un minimo di 5.000 euro a un massimo di 30.000 euro (3.500 euro con pagamento entro 5 giorni, 5.000 euro con pagamento entro 60 giorni e 15.000 euro con pagamento oltre 60 giorni). Multe analoghe per chi guida con patente revocata (la sanzione dev’essere definitiva) o non rinnovata per mancanza dei requisiti prescritti.

Inoltre, nell’ipotesi di recidiva nel biennio abbiamo anche l’arresto fino a un anno. A queste violazioni seguono il fermo amministrativo del veicolo per 3 mesi e la confisca se il conducente è recidivo. Se fermo e confisca non possono essere disposte la legge prevede la sospensione della patente (eventualmente posseduta) per un periodo che va da 3 a 12 mesi.

Chi invece la patente ce l’ha ma guida un veicolo che ne richiede un’altra rischia da 1.000 a 4.000 euro di multa più la sospensione della patente posseduta per un periodo che va da 4 a 8 mesi. Da 400 a 1.600 euro sono invece le multe per chi guida veicoli senza avere l’abilitazione di cui ai commi 8, 10, 11 e 12 dell’art. 116.

Multe anche per chi fa guidare persone che non hanno la patente. In questo caso le sanzioni vanno da 389 a 1.599 euro.

E i neopatentati? Ricordiamo che per i primi 3 anni non si possono superare i 100 km/h in autostrada e i 90 km/h sulle strade extraurbane principali, oltre a non poter guidare auto con potenza superiore a 55 kW/t e 70 kW per la categoria M. Chiunque vìola queste disposizioni rischia multe da 161 a 646 euro.

Leggi altri articoli in Guide e utilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati