Michelin: lo stabilimento di Cuneo diventerà più sostenibile grazie a Edison

Questa iniziativa consentirà di coprire il 97% del fabbisogno energetico della fabbrica

Michelin: lo stabilimento di Cuneo diventerà più sostenibile grazie a Edison

Edison e Michelin Italia hanno sottoscritto un accordo triennale per l’efficientamento energetico, la sostenibilità ambientale e la riduzione dell’impronta di carbonio dello stabilimento Michelin presente a Cuneo grazie alla realizzazione di impianti per la produzione di energia a basso impatto ambientale ed energia proveniente da fonti rinnovabili.

La fabbrica in questione è il più grande sito produttivo presente nell’Europa occidentale di Michelin, con una capacità produttiva installata di 13 milioni di pneumatici per vetture ogni anno. Questa iniziativa consentirà di coprire il 97% del fabbisogno energetico dello stabilimento di Cuneo.

Sarà installato un nuovo impianto altamente efficiente progettato da Edison

L’iniziativa prevede la realizzazione e l’installazione da parte di Edison di un nuovo impianto di trigenerazione ad alta efficienza capace di produrre contemporaneamente energia elettrica, vapore e acqua per il riscaldamento e il raffrescamento.

Saranno inoltre realizzati impianti fotovoltaici che verranno installati sulle pensiline dei parcheggi e in altre aree disponibili, nonché un sistema integrato costituito da caldaie per la fornitura del vapore necessario alla produzione di gomme, che prevede anche l’uso di biomassa legnosa a filiera corta.

18.000 tonnellate in meno di CO2 ogni anno

Attraverso l’integrazione di queste soluzioni e impianti, dal 2023 lo stabilimento di Cuneo avrà a disposizione il 16% di energia proveniente da fonti rinnovabili, corrispondente alla riduzione di emissioni di CO2 di 18.000 tonnellate all’anno. Tale percentuale potrà raggiungere il 100% grazie alla flessibilità degli impianti e al progressivo impiego sempre più ampio dei combustibili alternativi e delle fonti rinnovabili.

Grazie alle specifiche competenze di Edison, l’accordo permetterà poi di raggiungere progressivamente obiettivi sfidanti nel tempo di efficientamento energetico della fabbrica, con ulteriori benefici sia di impatto sull’ambiente che di spesa energetica.

Il contratto, che ha una durata di 15 anni, presenta una roadmap per il progressivo contenimento di emissione di CO2, in linea con la politica di Michelin che prevede la riduzione del 50% delle emissioni entro il 2030 rispetto al 2010 e a zero emissioni entro il 2050.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati