SsangYong Tivoli DKR: il SUV per la Dakar 2018 [FOTO]

Spinto dal benzina 6.2 V8 da 405 CV. Sarà al via con Oscar Fuertes

SsangYong Tivoli DKR - La casa coreana disputerà la Dakar col medesimo SUV, sviluppato e realizzato in Spagna, che sarà condotto fra le dune da Oscar Fuertes. Il Buggy, che rientra nella classe T1-3, si avvale di un propulsore benzina 6.2 V8 da 405 CV situato in posizione centrale-posteriore, e di due serbatoi da 400 litri complessivi.

SsanYong ha mostrato in rete le prime immagini della Tivoli DKR, vettura con la quale prenderà parte all’edizione 2018 della Dakar, in programma dal 6 al 20 gennaio. Realizzato sulla base del Tivoli MY 2018, che nel fine settimana appena trascorso è stato protagonista in tutte le concessionarie italiane con il porte aperte, si cimenterà nelle 14 prove speciali della 40esima edizione che per la decima volta si svolgerà in Sud America passando tra Perù, Bolivia ed Argentina.

A seguito delle ottime prestazioni nel Campeonato de España de Rallies Todo Terreno (CERTT), la casa coreana ha deciso di tornare a competere nel rally-raid più famoso al mondo (l’ultima apparizione risale al 2009), che vedrà al via Oscar Fuertes e Diego Vallejo, quest’ultimo nel ruolo di navigatore.

Sviluppata interamente in Spagna da Javier Herrador, la vettura è lunga 4,88 metri, larga 2,20 metri e alta 1,80 metri, e si avvale di un telaio multitubolare in cromo-molibdeno; ammortizzatori King e impianto frenante Willwood con pinze a 6 pistoncini con pompa Tilton collocata su ogni singolo asse.

Il Buggy, che rientra nella classe T1-3, è spinto da un propulsore benzina 6.2 V8 da 405 CV situato in posizione centrale-posteriore con potenza scaricata sul terreno dalla trazione posteriore, ed è dotato di due serbatoi in kevlar e carbonio dalle capacità complessive di 400 litri. La velocità massima supera i 190 km/h.

“Sono molto eccitato e motivato di partecipare per la prima volta con il team SsangYong Motorsport alla Dakar”, afferma Fuertes. “Abbiamo sognato da diversi anni questa opportunità, e dopo tanto lavoro siamo riusciti a realizzarla. Dobbiamo cogliere l’opportunità di dimostrare che il Tivoli DKR sarà in grado di competere ad alti livelli, oltre ad essere prudenti nella gara, cercando di arrivare al traguardo di Córdoba, che certamente sarebbe un grande successo. Sono fortunato ad avere Diego Vallejo come co-pilota e sono sicuro che la sua grande esperienza sarà molto importante per raggiungere tutti gli obiettivi”.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati