Abarth 695 Tributo Ferrari al Salone di Bruxelles 2011

È passato un po’ sottotono, quasi in sordina, durante quest’ultima settimana, il Salone dell’Automobile di Bruxelles 2011 (15-23 gennaio): la manifestazione motoristica europea non ha avuto grande risalto, almeno qui, nel nostro Paese, e non è stata utilizzata dalle aziende del settore automotive come vetrina per svelare anteprime internazionali (evidentemente, i brand stanno tenendo in serbo le più succose novità per il Salone di Ginevra 2011, che si terrà tra il 3 ed il 13 marzo 2011).

Il nostrano Gruppo Fiat ha comunque partecipato all’evento, portando in scena alcune tra le più importanti automobili della gamma commercializzata attualmente: la nuova Abarth 695 Tributo Ferrari, versione estremamente esclusiva della piccola citycar di segmento A elaborata dalla maison dello Scorpione, ha calcato il palcoscenico di Bruxelles e sta sfilando sotto i riflettori, anche ora, ammantata della colorazione Giallo Modena (che, precisamente, è la più recente tonalità che il costruttore italiano ha introdotto all’interno della gamma: la presentazione della tinta è avvenuta, infatti, durante la scorsa edizione del bolognese Motor Show).

La nuova Abarth 695 Tributo Ferrari viene equipaggiata con il motore quattro cilindri in linea 1,4 litri T-Jet benzina, sovralimentato, in grado di erogare 180 cavalli e 230 Nm di coppia massima, e viene dotata di una serie di dettagli sportivi specifici, tra cui potremmo citare i dischi freno da 305 millimetri, i cerchi in lega da 17 pollici, l’impianto scarico sportivo, le sedute sportive all’interno dell’abitacolo, un assetto specifico e via di seguito.

La piccola Abarth 695 è stata consegnata, poco prima del termine dell’anno passato, ai due piloti della Scuderia Ferrari di Formula Uno, Fernando Alonso e Felipe Massa (in colorazione rossa, tuttavia).

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati