Acura NSX: comparazione tra stradale e GT3 [VIDEO]

Il pilota Ryan Eversley spiega le differenze tra le due versioni

Acura NSX: comparazione tra stradale e GT3 [VIDEO]

Lo scorso weekend (29-30-31 luglio) sul circuito di Mid Ohio, situato a Lexington nell’omonimo stato federato, la Acura NSX GT3 ha fatto la sua prima comparsa ufficiale disputando, però, solamente le prove libere del campionato nordamericano Pirelli World Challenge, in attesa del vero e proprio debutto che avverrà il prossimo anno nel medesimo campionato. A portare in pista la vettura, il pilota olandese Peter Kox, il quale è stato coinvolto nello sviluppo.

In esposizione nell’hospitality del team RealTime Racing (di proprietà di Peter Cunningham), la vettura è stata comparata con la versione stradale (anch’essa esposta) dal pilota Ryan Eversley, che corre con la Acura TLX-GT del medesimo team di Cunningham. Ai microfoni di Racer, il pilota ha descritto i particolari e le diversità di entrambe le versioni.

Nel suo intervento ha spiegato che la GT3 è stata costruita in Giappone e sviluppata congiuntamente da Honda Performance Development (HPD) e da JAS Motorsport; a differenza della stradale, nella parte anteriore compaiono lo splitter, flap ed un’apertura sul cofano anteriore per lo sfogo d’aria. In un fermo immagine sono state mostrate tutte le componenti al di sotto del cofano tra cui radiatori maggiorati ed i tre contenitori per controllare i livelli di lubrificazione dei freni e della frizione.

Passando nella parte laterale, compaiono due diverse tipologie di specchietti laterali mentre alla fine dei passaruota anteriori sono presenti degli slot per ridurre le turbolenze causate dal rotolamento dello pneumatico. Le maniglie delle portiere risultano identiche mentre le prese d’aria sulla GT3 sono più ampie maggiori flussi d’aria per il raffreddamento del motore.

Per motivi regolamentari, la versione da corsa è composta dalla sola unità endotermica composta dal 3.5 biturbo V6 a differenza della stradale che è munita anche di tre motori elettrici, di cui due montati all’anteriore ed uno al posteriore. Il cambio sulla GT3 è un sequenziale al volante a 6 rapporti mentre la stradale monta un automatico DCT  a nove rapporti.

Spostandoci verso il posteriore, sopra i passaruota della GT3 compaiono delle aperture per aumentare il carico aerodinamico e, naturalmente, l’alettone. Nel retro, sulla stradale i terminali di scarico sono disposti nella parte centrale ed in fila ad uno ad uno, mentre sulla GT3, oltre alla comparsa di un diffusore con numerosi deviatori di flusso, i terminali sono due, disposti all’estremità dei lati.

Ovviamente gli interni risultano essere più spartani nella versione da corsa con l’adozione di un volante e sedili sportivi con funzioni relative al suo compito, oltre ai roll-bar rispetto al comfort della stradale, nonostante quest’ultima sia rivolta alla sportività.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati