Citroen C4 2021 | Com’è & Come Va

La prova su strada ed i consumi del modello francese

È sabato ed è tempo di una nuova puntata del nostro ‘Com’è e Come va’: questa settimana ci occupiamo della nuova Citroen C4. La nuova generazione della vettura francese è rivoluzionata, sia nel design che nei contenuti, con dimensioni completamente diverse e tanta tecnologia.

Design e dimensioni

Come dicevamo, il modello del Double Chevron presenta un’estetica completamente rinnovata, a partire da un frontale con la nuova griglia estesa fino ai fari a LED con forma a ‘V’, già vista concettualmente sul facelift della C3. Il cofano è alto e presenta linee nette, con nervature quasi scavate, mentre il fascione centrale è costituito da una seconda griglia e dalla protezione sottoscocca, che corre lungo tutta la fiancata dell’auto. Dove si notano le ruote grandi ed alte, con cerchi da 18 pollici diamantati del nostro allestimento Shine. L’unico riferimento alla vecchia C4 è nel profilo del tetto, però in modo più filante ed aerodinamico, mentre il posteriore ripropone linee nette e robuste, con fari compatti dalla forma a ‘V’ ripresa dall’anteriore. Lo spoiler è ai piedi del lunotto inclinato e non più sul tetto.

Parlando delle dimensioni, la nuova Citroen C4 è lunga 4,36 metri, con un’altezza di 1,52 metri ed una larghezza di 1,83 metri. Il passo è di 2,67 metri, per garantire un’ampia abitabilità all’interno dell’abitacolo, con spazio buono per due passeggeri posteriori, ma anche il terzo può starci. Il bagagliaio ha una capienza di 380 litri con tutti i sedili in posizione e può essere ampliabile fino a 1.250 litri abbattendo i sedili posteriori. Uno spazio in linea con quanto avviene nel segmento di questa vettura.

Interni e tecnologia

Anche l’abitacolo è rivoluzionato e propone una migliorata qualità dei materiali, una maggiore eleganza percepita e tanta tecnologia. Dove troviamo, in primo piano, lo schermo centrale per l’infotainment da ben 10 pollici. Il funzionamento è intuitivo, con la classica grafica da tempo caratteristica delle vetture ex PSA, con la compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto, per replicare le principali applicazioni dei propri smartphone. La climatizzazione propone i comandi analogici, mentre sono presenti i tasti ‘Home’ e ‘Auto’ come scorciatoia per raggiungere la prima pagina e le funzionalità dell’auto.

All’interno della Citroen C4 troviamo materiali morbidi e curati, solamente con qualche plastica più dura nella parte bassa, senza però inficiarne l’eleganza. La plancia a sviluppo orizzontale aumenta la sensazione di spazio, con numerosi vani portaoggetti ed alcune inedite idee, come lo speciale supporto per tablet davanti al sedile del passeggero anteriore. Non mancano due prese USB e USB C per la ricarica, una presente anche per i passeggeri posteriori. I sedili in pelle Advanced Comfort garantiscono una seduta comoda ed adatta anche per viaggi più lunghi, senza affaticarsi alla guida, così come troviamo il nuovo volante in pelle a tre razze più sottile rispetto ai precedenti modelli Citroen e l’head-up display di serie già dal secondo livello di allestimento.

La prova su strada

Entriamo ora nella parte più importante del nostro Com’è&Come va, cioè le nostre sensazioni di guida sulla Citroen C4. Il modello a nostra disposizione è equipaggiato con il motore PureTech 130, cioè il 1.2 benzina da 131 cavalli e 230 Nm di coppia massima, abbinato al cambio automatico EAT8 ad 8 rapporti. Un buon propulsore, per un modello dedicato al comfort come focus principale, anche se non manca la possibilità di districarsi con una più che discreta agilità tra sorpassi, rotonde e curve, con un cambio con innesti sufficientemente morbidi, anche se non sempre diretti. Per chi vuole un maggiore tocco di brillantezza ed un migliore scatto, può selezionare la modalità Sport, mentre la Eco rende la vettura meno ‘pronta’ ma permette di risparmiare nei consumi.

Tornando al comfort a bordo, in primo piano mettiamo le sospensioni con smorzatori idraulici progressivi, che permettono di far sentire davvero poco le disconnessioni del terreno, anche quelle più profonde. Lo stesso possiamo dire dell’ottima insonorizzazione dell’abitacolo, l’unica ‘pecca’ legata al comfort è qualche vibrazione di troppo sul volante ai bassi regimi ed in ripresa. Infine, sui tratti più curvosi delle strade extraurbane abbiamo notato uno sterzo leggero e diretto, quasi fin troppo, così come il rollio in curva non è eccessivo. C’è da fare un appunto conclusivo: se la visibilità anteriore è buona, quella posteriore è piuttosto limitata. Lo spoiler taglia in due il lunotto e non c’è il tergicristallo posteriore. Il supporto della telecamera per le manovre è importante.

Chiudiamo con il solito focus sui consumi: la casa francese, per questa motorizzazione, ha dichiarato un consumo medio nel ciclo combinato compreso tra 5,6 e 6,3 litri ogni 100 chilometri (WLTP). Il computer di bordo ci ha segnalato 7,3 km/l, in un percorso misto di circa 400 chilometri tra città, tangenziale ed alcuni tratti extraurbani.

Allestimenti e ADAS

La nuova Citroen C4 è disponibile con tre allestimenti: Feel, Feel Pack e Shine. Già la versione d’ingresso è molto ricca con climatizzatore automatico bizona, fari a LED, Pack Safety 3, radio digitale DAB con 6 altoparlanti, Touch Pad da 10” con Mirror Screen e sensori di parcheggio posteriori. La ‘nostra’ vettura era la versione top di gamma Shine ed aggiungeva i cerchi in lega da 18”, il Citroen Connect Nav, l’head-up display a colori, i sensori di parcheggio anteriori, i vetri posteriori oscurati ed il Pack Drive Assist.

Per quanto riguarda gli ADAS, già di serie sono previsti mantenimento di corsia, frenata automatica d’emergenza, rilevamento attenzione del conducente, riconoscimento segnali stradali e regolatore di velocità. Il ‘Pack Drive Assist’ aggiunge riconoscimento pedoni e ciclisti, sorveglianza dell’angolo cieco e la commutazione automatica dei fari da abbaglianti ad anabbaglianti.

I prezzi

La Citroen C4 2021 parte da un listino prezzi di 23.150 euro per la versione con motore PureTech 130, cambio manuale ed allestimento Feel. La vettura da noi guidata, con la stessa motorizzazione, ma con il cambio EAT8, l’allestimento Shine, la tinta Orange metallizzata e gli interni in pelle sale a 30.000 euro. La nuova C4 è disponibile anche con motore diesel BlueHDi 110 o 130 e nella versione 100% elettrica da 136 CV.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Comfort al volante, sedili e allestimenti ricchiVisibilità posteriore limitata e vibrazioni

Citroen C4: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★★½ 
Ripresa:★★★★½ 
Frenata:★★★★☆ 
Sterzo:★★★★½ 
Tenuta di Strada:★★★★½ 
Comfort:★★★★☆ 
Posizione di guida:★★★★★ 
Dotazione:★★★★½ 
Qualità/Prezzo:★★★★☆ 
Design:★★★★½ 
Consumi:★★★★☆ 

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati