Ferrari 296 GTS 2022: VIDEO PROVA SU STRADA della GTB in versione SPIDER

La prova su strada della Ferrari 296 GTS 2022 con le nostre sensazioni di guida

Dalla “costola” della Ferrari 296 GTB (qui la nostra prova su strada approfondita) nasce la 296 GTS, ossia la spider. Cosa cambia tra le due? Le differenze tra le due auto, esteticamente, sono limitate a lievi modifiche estetiche, con l’aggiunta ovviamente del tetto apribile.

ferrari 296 gts

Simile sì, ma non in tutto

La protagonista della nostra prova ci permette di guidare “a cielo aperto” grazie alla presenza di un tetto rigido retrattile in alluminio, molto simile a quello utilizzato dalla Ferrari SF90 Spider. Una volta che si decide di scoperchiarla, la capotta viene elettronicamente riposta in un nuovo vano ricavato nell’alloggio del motore, posizionato dietro ai sedili. Il tetto apribile si può aprire o chiudere in appena 14 secondi con la chiusura che può essere effettuata anche in marcia, a patto di non salire al di sopra dei 45 km orari.

ferrari 296 gts

Per accogliere il tetto ripiegato, il ponte posteriore della Ferrari 296 GTS 2022 è stato ridisegnato cosi da presentare forme leggermente più muscolose, scolpite e prominenti. Solo il cofano posteriore ha subito qualche modifica estetica per la presenza di una nuova finestra in vetro che permette agli sguardi più curiosi di osservare il motore. È stato inserito anche un vetro regolabile elettricamente in altezza e discesa che permette di garantire un buon comfort in abitacolo alle alte velocità e con il tetto abbassato.

Aerodinamica certosina

La cura aerodinamica per la GTS è certosina come per la GTB, quindi permane lo spoiler all’anteriore (ispirato a LaFerrari) che permette di far scivolare il flusso d’aria verso il sottoscocca. Risponde “presente” anche l’ala mobile in coda che fuoriesce automaticamente alle più alte velocità, quando c’è bisogno di una maggior deportanza.

ferrari 296 gts

La Ferrari 296 GTS porta in dote, pure, un impianto frenante dotato di pinze dei freni Aero (al debutto sulla SF90 Stradale) e, con l’aggiunta dell’hard top, una telaio rivisto per una maggior rigidezza torsionale e flessionale. Gli interventi apportati hanno fatto un po’ ingrassare la 296 GTS, visto che ora sulla bilancia ferma la lancetta sui 1.540 kg, contro i 1.470 chilogrammi della GTB. Insomma, niente di grave ma ci sono 70 kg in più.

Motore PHEV

E ora parliamo del suo “cuore“; del suo motore. Per la prima volta su una Ferrari spider stradale viene proposta un’architettura ibrida plug-in (PHEV) a trazione posteriore. Batte forte lo stesso muscolo cardiaco della Ferrari 296 GTB, quindi il 6 cilindri, 2.9 litri V6, che trova posto in posizione centrale e posteriore. Il suo battito, se pensiamo al solo termico, ci regala 663 CV. Però c’è anche l’unità elettrica che da sola è in grado di produrre 167 CV. Complessivamente abbiamo 830 CV e una coppia massima di 740 Nm. Per aiutare a scaricare a terra tutta la potenza c’è un cambio doppia frizione a 8 rapporti.

Che velocità! Ma si può marciare anche solo in elettrico

ferrari 296 gts

Prima di comunicarvi le sensazioni di guida permettetemi di comunicarvi ancora qualche dato. Il motore elettrico è alimentato da una batteria da 7,45 kWh che permette di marciare in modalità solo elettrica fino a 25 km. Con il solo propulsore elettrico, l’auto può raggiungere una velocità massima di 135 km/h. Mentre per quanto riguarda la velocità massima si supera i 330 km/h. Lo 0 a 100 km/h viene bruciato in 2,9 secondi, mentre lo 0-200 km/h in 7,6 secondi.

Ed ora la parte più succosa, cosa si prova a bordo della Ferrari 296 GTS 2022

Seduto dietro al volante mi immergo nell’abitacolo. Ci si siede davvero in basso. Lei è una spider dal passo corto. Agile e divertente, dinamica e potente ma non nervosa, sorprendentemente è facile da guidare. Intuitiva.

È agile tra le curve ma anche sincera nel comunicarti i suoi spostamenti; si riesce a guidare con lievi spostamenti di volante. Inutile dirvi (lo potete bene immaginare) che la coppia è molto presente. Una volta effettuata una bella accelerata l’urlo del V6 entra in abitacolo e viene mixato da una sorta di soffio, di spiffero. È il sibilo del motore elettrico. Insomma, una sorta di tuono che si miscela al soffiare di un forte vento. Questo è un po’ il sound, a mio modo di vedere, di questo propulsore ibrido da 830 CV. Le sensazioni, anche sonore, sono del tutto particolari.

ferrari 296 gts

Una volta raggiunta una grande velocità non c’è da avere paura, visto che ci si può affidare ai freni; molto modulabili grazie all’ABS Evo. Basta un leggera pressione sul pedale, dalla corsa corta e precisa, per fermarsi dove e come ci pare. Infine, il set up. La Ferrari 296 GTS non è per niente granitica. Una volta che ci siederemo sul sedile sportivo la schiena non viene frantumata da una taratura delle sospensioni e delle molle troppo rigide. Tutto sommato si gode di un buon comfort di guida e passare sulle buche più dure non è impossibile grazie alla presenza delle sospensioni a controllo elettronico.

È possibile poi sfruttare il powertrain ibrido per switchare dalla modalità elettrica a quella ibrida agendo su un selettore di gestione della potenza che sulla 296 GTS viene chiamato eManettino. Quest’ultimo può essere settato su quattro posizioni: eDrive (solo marcia elettrica), Hybrid (per usare e sfruttare i due motori in base alle condizioni di guida), Performance (per avere a disposizione 800 CV) e Qualify (per avere le massime prestazioni e godere di 830 CV).

ferrari 296 gts

Oltre a questo, sono immancabili le varie modalità di guida: abbiamo la “Wet” da preferire su fondi viscidi e bagnati, per sfruttare l’erogazione più dolce della coppia e mettere in allerta tutta l’elettronica. La modalità “Sport“, a dispetto del nome, equivale a quella più normale, da utilizzare tutti i giorni. Mentre per la guida ludica e dinamica è preferibile la modalità “Race”. In questo caso, vengono sciolte un po’ le briglie a tutti i controlli elettronici, seppure presenti per evitare situazioni imbarazzanti per chi non è un vero pilota. Ecco, quest’ultimi preferiranno utilizzare la modalità “CT Off” per disattivare una volta per tutte il controllo di trazione.

Ma come si sta all’interno dell’abitacolo della Ferrari 296 GTS?

Tranquilli, non mi sono dimenticato di dirvi come si sta all’interno, nell’abitacolo della Ferrari 296 GTS. Dimenticatevi del grande sistema di infotainment, come siamo abituati sulle macchine di serie “più normali”. Tutte le informazioni di guida passano per il quadro strumenti digitale (con alcune info che vengono replicate sul piccolo display disponibili per il passeggero).

ferrari 296 gts

Il volante è pieno di comandi e bisogna farci l’abitudine inizialmente. È tutto qui, i manettini per settare la taratura delle sospensioni, l’accensione del motore, l’attivazione delle luci…insomma, bisogna senza dubbio farci l’occhio.

ferrari 296 gts

Anche per chi chiede di più in termini di sportività

Se tutto questo non vi basta e siete proprio dei “racing addicted” vi farà piacere sapere che, in optional, la Ferrari 296 GTS può montare l’Assetto Fiorano. Alla modica cifra di 32.940 euro in più potrete avere dei bellissimi cerchi in fibra di carbonio, un assetto più ribassato e irrigidito e più orpelli aerodinamici all’anteriore, per aumentare la deportanza di ben 10 kg. Con l’Assetto Fiorano si perdono anche 8 chili sul peso complessivo della GTS.

ferrari 296 gts

Il prezzo della Ferrari 296 GTS

Per avere il permesso di portare fuori dalla concessionaria una Ferrari 296 GTS il vostro assegno dovrà riportare la cifra, di base, di 320.000 euro. Esatto: rispetto alla GTB, per avere la spider, vi servono 45 mila euro in più.

Ferrari 296 GTS: la scheda tecnica

Motore termico: V6 turbo, 2.992 cc

Potenza max motore termico: 663 cv a 8000 giri/min.

Potenza max sistema ibrido: 830 cv a 8000 giri/min.

Coppia max: 740 Nm a 6250 giri/min.

Capacità batteria: 7,45 kWh

Lunghezza: 4.565 mm

Larghezza: 1.958 mm

Altezza: 1.191 mm

Passo: 2.600 mm

Peso a secco: 1.540 kg

Rapporto peso/potenza: 1,86 kg/cv

Distribuzione dei pesi: 40,5 % ant. / 59,5 % post.

Trasmissione: cambio F1 doppia frizione a 8 rapporti

 Velocità massima: 330 km/h

0-100 km/h: in 2,9 secondi

0-200 km/h: in 7,6 secondi

5/5 - (1 vote)
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati