Ferrari: un particolare esemplare avvistato in Germania, potrebbe trattarsi della prossima ibrida? [VIDEO]

Si ipotizza un debutto a Ginevra

Sorpresa su strada una vettura parzialmente camuffata. Forse il probabile muletto, su base 488 GTB, della vociferata nuova ibrida di Maranello
Ferrari: un particolare esemplare avvistato in Germania, potrebbe trattarsi della prossima ibrida? [VIDEO]

Il suono percepito dalle riprese non scioglie del tutto i dubbi, ma considerando le indiscrezioni e gli avvistamenti precedenti, si può supporre che quello sorpreso in Germania possa essere il muletto di una futura Ferrari ibrida in fase di sviluppo. La prima di una nuova strategia produttiva.

Una serie di modelli ibridi

Le immagini diffuse da DrGumoLunatic consentono di osservare da più angolazioni una vettura sorpresa sulle strade pubbliche del distretto di Stoccarda. La zona anteriore e quella posteriore, benché si intravedano le tipiche forme di una 488 GTB, risultano coperte. Segno di interventi mirati su queste aree. Ma l’attenzione è rivolta anche al suono, alla luce delle voci insistenti sullo sviluppo di un nuovo modello ibrido. Una scelta che risponde anche alle nuove regolamentazioni in tema di emissioni, tenendo sempre presenti in ogni caso le necessità tecniche e prestazionali delle vetture modenesi.
Sul nome della vettura e sulle caratteristiche non vi sono ancora conferme. Chi ha diffuso le immagini ha riportato in auge l’iconico nome Dino, ma per il momento resta un’ipotesi già avanzata in passato. Tra queste spicca poi un possibile legame con l’accennata nuova famiglia di vetture V6. Futuri modelli da affiancare alle già note sportive con motori V8 e V12.
In questo caso si suppone proprio la presenza di un poderoso V6, architettura non inedita per i tecnici di Maranello, legata a uno o anche due propulsori elettrici. Una possibile architettura “Turbo Hybrid” che abbatta gli effetti del turbo lag e garantisca alto potere prestazionale. Sebbene i cavalli espressi non eguaglierebbero quelli sviluppati dai propulsori V8 e V12. Anche questi sarebbero rafforzati da sistemi ibridi.

Quattro pilastri

Recuperando la strategia della casa, delineata in occasione dello scorso Capital Markets Day, la futura panoramica del Cavallino Rampante comprenderebbe ben quattro differenti gamme di prodotto: Sport Range, Gran Turismo Range, Special Series e Icona. Partendo dall’ultimo raggruppamento, per avere un’idea dell’alto potenziale visivo e contenutistico della proposta, basti pensare alla recente introduzione delle esclusivissime Ferrari Monza SP1 e SP2 a Parigi. Risulterebbero 15 i nuovi modelli programmati tra il 2019 e il 2022.
La panoramica Sport, che dal 2021 diverrebbe totalmente ibrida, sarebbe composta da esemplari ad alte prestazioni, prettamente orientate anche a uso sportivo e per una clientela che si concede anche qualche fine settimana in pista.
Diversa l’indole delle vetture Gran Turismo, pensate per offrire assieme alle prestazioni anche un confort piuttosto elevato. Quindi un’immagine sportiva elegante e un’alta efficienza di marcia, ricollegandosi alla grande tradizione del marchio modenese. In questo caso potrebbero figurare anche esemplari ibridi plug-in e, tra i modelli particolarmente attesi, anche l’anticipato Purosangue. Il primo crossover marchiato Ferrari.
Le Special Series, dunque, sono un’altra rappresentazione del grande potenziale tecnico e prestazionale della casa di Maranello. Vetture, come accennato nell’occasione, particolarmente distinguibili per “design ed emozioni di guida”, sempre in serie limitata. Eredi delle attuali Ferrari 488 Pista e 488 Pista Spider.

Video: DrGumoLunatic

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati