La cinese BYD all’assalto delle tedesche con il marchio premium Yangwang

Il fuoristrada U8 e la supercar U9 lanciano la sfida ad Audi, BMW e Mercedes

La cinese BYD all’assalto delle tedesche con il marchio premium Yangwang

Il gruppo cinese BYD lancia l’offensiva alle Case automobilistiche tedesche con la presentazione dei primi due modelli del suo nuovo marchio di veicoli elettrici premium Yangwang.

Ambizioni di sfida che BYD dichiara senza nascondersi, affermando esplicitamente che le nuove vetture del brand Yangwang puntano a competere sul mercato europeo con i marchi premium tedeschi, ovvero Audi, BMW e Mercedes. Una sfida che farà leva anche sulla competitività dei prezzi, con auto di lusso che saranno proposte a partire da un milioni di yuan, poco più di 137.000 euro, quando debutteranno sul mercato cinese entro la fine dell’anno.

Il fuoristrada U8 e la supercar U9

Il costruttore con sede a Shenzhen ha svelato due vetture del marchio di lusso Yangwang: U8, un robusto fuoristrada 4×4 per l’off-road sullo stampo della Mercedes Classe G, e U9, una coupé sportiva che punta a proporsi come alternativa all’Audi R8.

I due nuovi veicoli elettrici sono parte integrante dell’impegno di BYD per ampliare il proprio raggio d’azione fuori dai confini cinesi e provare a diventare un produttore automobilistico globale con proposte in tutti i segmenti automobilistici, sulla spinta delle vendite da record registrate in Cina negli ultimi 12 mesi. Nel 2022 BYD è stato il principale produttore mondiale di auto elettrificate, comprese elettriche e ibride plug-in, vendendo quasi due milioni di auto nel corso dell’anno.

Obiettivo 4 milioni di vendite nel 2023

L’amministratore delegato di BYD Wang Chuanfu ha spiegato che il nuovo marchio Yangwang “rimodellerà i contorni del mercato globale delle auto di lusso”, affermando poi che l’obiettivo di mercato di BYD per il 2023 è di arrivare a 4 milioni di vetture vendute. Un target ambizioso, parliamo più del doppio dei volumi registrati nell’ultimo anno, che il costruttore cinese perseguire facendo leva anche sulle nuove U8 e U9 che sfruttano entrambe la tecnologia EV proprietaria, comprese le batterie ai ioni di litio fosfato (LFP) sviluppate dalla stessa BYD.

Mentre lo stop alle auto a benzina e diesel fissato dall’Europa per il 2035 appare ancora relativamente lontano, il pericolo della concorrenza cinese per il futuro dell’industria automobilistica europea appare invece molto più vicino ed imminente.

5/5 - (1 vote)
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Array
(
)