Assicurazione RCA: ipotesi di due mesi di sconto con il Sostegni bis

L'emendamento al decreto verrà vagliato nei prossimi giorni

Assicurazione RCA: ipotesi di due mesi di sconto con il Sostegni bis

Le restrizioni per la pandemia hanno lasciato le auto di molti italiani nel box per parecchio tempo. Sicuramente l’anno scorso durante il duro lockdown di marzo e aprile, ma anche nel corso del 2021 tra zone rosse e arancioni. Per questo, tra gli emendamenti del decreto Sostegni bis, c’è anche l’ipotesi di due mesi di RCA gratuiti.

Pochi incidenti, tanti guadagni

Alla base di questa proposta, appunto, c’è la situazione legata alla pandemia e l’utilizzo molto minore delle auto, rispetto ad un periodo di normalità. Questo ha portato anche ad una riduzione sensibile degli incidenti, come rilevato da numerosi rapporti, con guadagni in aumento per le compagnie assicurative.

Qualcuna di esse, alla luce di questa situazione, ha scontato o abbassato il prezzo della propria polizza, mentre altre non hanno dato alcun vantaggio ai propri clienti. Se questo emendamento sarà approvato, tutte le compagnie saranno obbligate a scontare due mesi della polizza ai clienti. Anche sarà da capire con quale modalità.

L’iter burocratico

Si parla, al momento, solamente di un’ipotesi. Sono circa 500, infatti, gli emendamenti previsti per il decreto, che verranno votati tra oggi e l’8 luglio. Sono delle proposte di modifica al decreto, depositate dai vari gruppi parlamentari che vengono, appunto, discussi e votati. Per poi dare il via alla discussione generale sul decreto alla Camera.

Dunque, le tempistiche non saranno brevi. O meglio, se non sarà votato favorevolmente l’emendamento, verrà subito eliminato. Altrimenti, probabilmente si andrà verso fine estate. Anche se non c’è una tempistica già completamente definita.

5/5 - (1 vote)

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Assicurazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati