Problemi di udito: vincoli e conseguenze al volante

Cosa può accadere in caso di ipoacusie alla propria patente

Problemi di udito: vincoli e conseguenze al volante

I problemi di udito possono portare delle conseguenze anche quando si è al volante. Ovviamente il rischio principale è la riduzione della percezione dei rumori interni o esterni all’abitacolo, che permettono di intuire una situazione di pericolo e di agire di conseguenza, per cercare di evitarlo. Ma possono portare anche ad alcuni problemi nel rilascio o rinnovo della patente di guida.

Due metri di distanza

Per poter conseguire o rinnovare la patente A o B, secondo l’articolo 119 del Codice della Strada, occorre percepire da ciascun orecchio la voce di conversazione con distinzione a non meno di due metri di distanza. Anche tramite l’ausilio di apparecchi correttivi, con annotazione sulla patente.

Per quanto riguarda, invece, le patenti C, D o E serve percepire la voce di conversazione a non meno di otto metri di distanza e a non meno di due metri con l’orecchio che sente di meno, senza l’uso di apparecchi correttivi.

Limitazioni se non si posseggono i requisiti

Se non si posseggono questi requisiti, è comunque possibile richiedere la patente A o B, ma servirà rivolgersi ad una commissione medica locale per richiedere l’idoneità ad un tipo di patente diversa (AS o BS).

In base all’esito della Commissione, potrebbero esserci alcune limitazioni, come il divieto di guidare la sera in autostrada o l’obbligo di guidare in presenza di un’altra persona. Solitamente, queste patenti diverse, recano anche l’obbligo di guida utilizzando due specchi laterali (ormai però già presenti sui veicoli).

1/5 - (1 vote)

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati