Alfa Romeo Stelvio 2022: ciò che sappiamo sul restyling, attesi motori ibridi [RENDER]

Idea stilistica per il rinnovamento del SUV del Biscione

Alfa Romeo Stelvio 2022: ciò che sappiamo sul restyling, attesi motori ibridi [RENDER]

L’Alfa Romeo Stelvio si avvicina ad un aggiornamento, con il restyling del SUV del Biscione che dovrebbe presentarsi entro la fine dell’anno, poco prima della presentazione statica del prossimo Alfa Romeo Tonale, la cui commercializzazione è invece programmata per primavera 2022.

I render che immaginano il nuovo look

In attesa delle immagini dei primi prototipi e muletti di prova che possano fornire qualche indicazione sul look del nuovo Stelvio, i designer non perdono tempo ad avanzare le proprie proposte stilistiche. Dopo la proposta stilistica di Auto Bild (immagine sotto), è apparso in Rete un nuovo render (immagine in copertina) realizzato da Davide Benaglia ad ipotizzare l’aspetto che potrebbe assumere il nuovo model year del SUV di Arese. In particolar il restyling dell’Alfa Romeo Stelvio, traendo spunto dal concept Tonale dal quale prende in prestito una serie di dettagli stilistici, è caratterizzato da un frontale rivisto con un nuovo trilobo e un inedita configurazione dei gruppi ottici anteriori, per una firma luminosa più moderna, con nuovi taglio dei fari full LED collegati tra loro da una banda in nero lucido. 

Il restyling per fine 2021 insieme alla Giulia

Le novità della prossima Alfa Romeo Stelvio interesseranno sicuramente sia l’aspetto estetico ma anche meccanico. Per ciò che riguarda il design, siamo a conoscenza di un probabile cambio di stile, con un look un po’ più tagliente e filante soprattutto nel frontale. All’anteriore sarà ovviamente riconfermato il classico trilobo del Biscione ma l’effetto complessivo si avvicinerà maggiormente alle forme già viste sulla SUV Tonale Concept.

Nuovi motori e più ADAS

Dovrebbero poi debuttare dei nuovi gruppi ottici con tecnologia Full-Led, abbandonando definitivamente i fari allo Xeno delle attuali generazioni. Rinnovati anche i sistemi ADAS, fino al secondo livello di assistenza ma con logiche di funzionamento riviste rispetto a quelle già apprezzate nella nostra prova Com’è & Come Va. Per ciò che riguarda il comparto motori, saranno ripresentati i diesel della gamma attuale con il 2.0 4 cilindri da 160, 190 e 210 CV, mentre alcuni 2.0 a benzina potrebbero ricevere un supporto da un’unità a 48 Volt, diventando così mild-hybrid.

Risulta poi abbastanza plausibile la nuova motorizzazione 2.0 turbo mild-hybrid da 330 CV già vista sulla Maserati Ghibli che abbiamo provato qualche mese fa (possibile anche una sua applicazione ma depotenziata). Alcuni rumors parlano inoltre della possibilità di vedere applicati i nuovi 1.5 Firefly con potenze da 180 a 215 CV, ma francamente riteniamo più probabile una loro applicazione solo sulla Tonale. Riguardo alla più potente Stelvio Quadrifoglio, il suo 2.9 V6 biturbo da 510 CV non dovrebbe subire particolari variazioni. Ma attendiamo conferme ufficiali.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati