Dacia Sandrider: innovazione e sostenibilità nel nuovo prototipo per la Dakar 2025

Tra i piloti del team Sandriders anche Sébastian Loeb

Dacia Sandrider: innovazione e sostenibilità nel nuovo prototipo per la Dakar 2025

Dacia ha svelato il suo ultimo prototipo, il Dacia Sandrider, destinato a competere nel prestigioso rally Dakar e nel Campionato Mondiale di Rally-Raid (W2RC) nel 2025. Questo veicolo, che trae ispirazione dalla concept car Dacia Manifesto svelata nel 2022, rappresenta un passo significativo nel settore dei rally-raid.

Il Sandrider è il risultato di una collaborazione sinergica tra le competenze sportive del Renault Group e l’esperienza nel motorsport della Prodrive, un’azienda britannica. Questo prototipo incarna la filosofia di Dacia di concentrarsi sull’essenziale nel motorsport, ovvero la ricerca della performance ottimale. La sua progettazione innovativa massimizza l’agilità e la leggerezza, rispondendo in modo preciso alle necessità fondamentali di piloti e copiloti, i quali hanno avuto un ruolo attivo fin dalle fasi iniziali del progetto.

Parola d’ordine “essenzialità”

Dacia Sandrider interni

Nel design di Sandrider, si è puntato sull’essenzialità e sulla funzionalità. Il veicolo mantiene solo i pannelli della carrozzeria strettamente necessari, con un cofano anteriore progettato per migliorare la visibilità dell’equipaggio. L’uso di vernice antiriflesso, un’innovazione derivata dall’aviazione, ottimizza ulteriormente questa visibilità. L’abitacolo è stato curato con particolare attenzione alle esigenze dei piloti, offrendo un cruscotto modulare che permette personalizzazioni individuali.

La Dakar e i rally-raid richiedono veicoli robusti e adatti a condizioni estreme. Il Sandrider, fedele al concetto “robust & outdoor” di Dacia, è stato dotato di un telaio rinforzato, una carrozzeria in carbonio, sospensioni adatte a terreni difficili e una trasmissione 4X4. Queste caratteristiche sono integrate con un sistema elettrico innovativo che garantisce performance ottimali anche nelle condizioni più estreme.

Il Sandrider si distingue anche per i suoi interni funzionali. I sedili Sabelt sono rivestiti con tessuti specifici antibatterici che regolano l’umidità, e le ruote di scorta sono facilmente accessibili. Gli attrezzi di bordo sono rapidamente raggiungibili, con accorgimenti pratici come superfici magnetiche integrate per la gestione dei dadi di fissaggio.

Tanta “leggerezza” per Dacia Sandrider

Dacia Sandrider Dakar 2025

Il focus sulla sostenibilità è evidente nel design di Sandrider. Il veicolo è alimentato da un carburante sintetico fornito da Aramco, riducendo l’impatto ambientale. Questo carburante è prodotto combinando idrogeno rinnovabile con CO2 catturata, risultando in un prodotto a basso contenuto di carbonio compatibile con i motori moderni. Gli ingegneri hanno lavorato sulla leggerezza per diminuire il consumo di carburante, riducendo il peso totale di circa 15 kg rispetto ai prototipi comparabili.

Per ottimizzare la trazione e il comportamento dinamico, si è prestata particolare attenzione alla distribuzione del peso e all’aerodinamica. Questo ha portato a una riduzione del 10% nella resistenza e del 40% nella portanza rispetto ai prototipi simili. La gestione del calore è stata anch’essa un elemento chiave, con l’aggiunta di pigmenti contro i raggi infrarossi direttamente nel carbonio del veicolo.

Dopo la presentazione ufficiale, il Sandrider inizierà un’intensa fase di test in diversi paesi, partecipando al Rally del Marocco 2024. Il team ufficiale di Dacia, The Dacia Sandriders, vedrà la partecipazione di piloti di fama mondiale come Sébastien Loeb, Cristina Gutierrez Herrero e Nasser Al-Attiyah. Per Dacia questi piloti porteranno un mix di esperienza, talento ed entusiasmo nel team, competendo nella Dakar e in tutte le gare del Campionato nel 2025.

Principali caratteristiche di Dacia Sandrider:

 

  • Categoria FIA: Ultimate T1+
  • Telaio: tubolare
  • Carrozzeria: fibra di carbonio
  • Motore: V6, 3 litri, biturbo, a iniezione diretta
  • Potenza massima: 265 kW/360 cv a 5.000 giri/minuto
  • Coppia massima: 539 Nm a 4.250 giri/minuto
  • Trazione: 4X4
  • Trasmissione: cambio sequenziale a 6 rapporti
  • Sospensioni anteriori/posteriori: a doppio triangolo
  • Escursione ammortizzatori: 350 mm
  • Ruote: cerchi in alluminio, 17 pollici
  • Lunghezza x Larghezza x Altezza: 4,140 m x 2,290 m x 1,810 m
  • Passo: 3.000 mm
  • Sbalzo anteriore/posteriore: 590/550 mm

Rate this post
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Array
(
)