Ferrari 156: torna in pista con Martin Brundle e Damon Hill [VIDEO]

La monoposto vinse il mondiale di Formula 1 nel 1956

Ferrari 156: torna in pista con Martin Brundle e Damon Hill [VIDEO]

La Ferrari 156 è una delle vetture storiche della scuderia di Maranello in Formula 1. La ‘rossa’ ha vinto il Mondiale del 1961 con Phil Hill ed è stata la monoposto su cui ha perso la vita Wolfgang Von Trips a Monza nello stesso anno. Martin Brundle e Damon Hill hanno riportato in pista questa monoposto, per uno speciale test drive.

Potenza di 190 cavalli

Questa vettura era spinta dal motore V6 da 1.476 cc con una potenza di 190 cavalli ed una trasmissione a cinque rapporti. Le monoposto di allora erano molto diverse da quelle attuali: piccole, leggere e anche molto meno sicure. E la 156 fu una delle prime vetture ad essere progettate in una galleria del vento.

Quella rossa fu molto veloce e competitiva, vinse quattro gare su sette (all’ultima non partecipò per il lutto di Von Trips) nel 1961 e si portò a casa tutti e tre i gradini del podio sia in Belgio che in Gran Bretagna, vincendo anche in Olanda e a Monza. L’anno successivo non furono ripetuti gli stessi risultati, perché le concorrenti si presentarono con nuove monoposto più evolute e la F156 riuscì a conquistare al massimo un secondo posto a Montecarlo.

”Agile e stretta”

Come dicevamo, Martin Brundle e Damon Hill hanno portato questo storico modello nuovamente in pista, per alcuni giri, come commentatori di Sky Sport F1 UK. E si sono divertiti molto al volante, nonostante siano monoposto molto diverse da quelle che hanno guidato nel corso della loro carriera.

“È agile e molto stretta. Non molto più grande della metà di un’attuale vettura di F1”, ha commentato Brundle. Grande entusiasmo anche per l’ex pilota della Williams.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati