Honda e: la PROVA SU STRADA della citycar elettrica giapponese [VIDEO]

Ecco come va su strada: autonomia, batteria, potenza, consumi, ricarica, allestimenti e prezzo

Honda e: la PROVA SU STRADA della citycar elettrica giapponese [VIDEO]

Lei non è uguale a nessuna, non è né una Mini né una 500 elettrica ma una Honda e la prima citycar elettrica del costruttore giapponese. Se volete sapere tutti i suoi segreti continuate a leggere questa prova su strada e guardate il nostro VIDEO.

Honda e – design ed esterni

Stile retrò in salsa moderna, qualcosa di nuovo, unico con un design che sprigiona subito simpatia infatti possiamo guardarla da davanti o da dietro e le luci tonde da cartoon ci strappano subito un sorriso. Simpatica sì ma super tecnologica visto che i fari a LED hanno tre funzioni: luci diurne, indicatori di direzione e fari di profondità al centro. La parola d’ordine però è pulizia di design. Infatti guardandola più da vicino sembra essere levigata dal vento con i suoi paraurti puliti come le fiancate che nascondono le maniglie a scomparsa e queste futuristiche telecamere a fare da specchietto retrovisore.

Honda e – interni e abitacolo

Dentro la Honda e mostra un pezzo di futuro a tutto schermo. Infatti ne abbiamo due da 6 pollici agli estremi della plancia dedicati a quanto riportano gli specchietti retrovisori digitali. Il volante è a due razze e multi funzione, c’è uno schermo digitale a fare da cruscotto e due schermi appaiati da 12,3 pollici l’uno a fare da schermo dell’infotainment sia per il conducente sia per il passeggero anteriore. Ci si può passare la schermata dell’infotainment tra conducente e passeggero, Apple Car Play e Android Auto sono integrati e di serie, si possono collegare e utilizzare due app contemporaneamente sugli schermi condivisi. Abbiamo addirittura la possibilità di selezionare sfondi, screensever con un curioso acquario.

C’è la funzione di parcheggio automatico, il clima automatico con i pratici tasti fisici, legno a vista sintetico per la plancia sotto prese HDMI, da 12 e 230 Volt oltre alle classiche USB che troviamo anche al posteriore. Altro tocco di classe le cinture color bronzo regolabili in altezza, tasche in tessuto, con il tunnel centrale che ha il porta oggetti modulare e lo spazio in più per le ginocchia. Un living space minimale ma ultra tecnologico dall’effetto “wow” assicurato. Il passo di 2,53 metri di regala molto spazio in abitacolo soprattutto per chi siede davanti. Dietro non bisogna superare 1,80 di altezza per godere appieno del comfort che restituisce il comodo divano posteriore in tessuto.

Punti deboli? Il bagagliaio che è piccolino con soli 171 litri disponibili con la conformazione non regolare ed estendibile a 861 litri a divano posteriore abbattuto. Sotto c’è spazio solo per un kit di soccorso e l’alloggiamento per i cavi di ricarica.

Honda e – La prova su strada

Il sedile è comodo gli ADAS sono completi e di serie con il cruise control e la frenata attiva anche in retromarcia. Ottima per prestazioni con 8,2 secondi nello 0-100 km/h e 3,5 secondi nello 0-60 km/h. Solo due le modalità di guida: Sport o Normal ma c’è anche un tasto per guidare a un solo pedale visto che rilasciando l’acceleratore la frenata rigenerativa si fa davvero sentire da sfruttare tutta soprattutto in città o quando si percorrono lunghe discese. I questa versione Advance i cerchi sono da 17 pollici e il reparto sospensioni di tipo McPherson sia all’anteriore sia al posteriore. Vuol dire avere un comfort di guida assoluto con un diametro di sterzata incredibile di soli 9,25 metri che ci permette una svolta completa anche in strade non molto larghe senza manovre. È una city car elettrica quindi compatta ma nasconde un abitacolo davvero generoso in termini di spazio. Le sue dimensioni sono furbe per trovare parcheggio facilmente ed essere agili nel traffico con 3,9 metri di lunghezza, 1 e 75 di larghezza solo 1 e 51 di altezza. Il motore è al posteriore come la trazione è sviluppa 113 kW – ovvero 154 CV – e ben 315 Nm di coppia. Davvero esagerata! La batteria è situata sul fondo del pianale con una capacità di 35,5 kW per una autonomia di 184 km reali. I consumi, in media, si attestano a 4,9 km per kWh. Sotto è tutta carenata, è silenziosa e il peso viene distribuito al 50 e 50 sui due assi. Un peso totlae che supera i 1.600 kg. La velocità viene autolimitata a 150 orari per non consumare troppa energia della batteria. Lo sterzo è preciso, il rollio assente e con tutta questa potenza e coppia subito disponibili viene proprio voglia di guidarla quasi da sportiva. Si può definire come una citycar elettrica dall’animo racing. Peccato che se ci si fa prendere la mano con l’ottima dinamica di guida poi si rimanga con poca autonomia.

Honda e – Quanto ci vuole a ricaricare le batterie

Impossibile non parlare dei tempi di ricarica. Da colonnina fast da 100 kW ci vogliono circa 30 minuti per passare all’80% partendo dal 20% mentre da Wallbox casalingo da 7,4 kW ci servono 4 ore per la ricarica totale. Con la classica presa domestica da 2,3 kW di ore ne servono quasi 19.

Honda e – i suoi difetti e punti deboli

Difetti? Sono anche i suoi pregi ovvero per essere una city car è quasi troppo potente e questo farci venire così tanto da guidare ne penalizza l’autonomia totale. Si rimane poi affascinati dalla continuità degli schermi e possibilità di giocare a passarsi la schermata principale ma in un’ottica pratica qualche rallentamento di troppo e macchinosità di sistema ci fa rimpiangere la facilità d’utilizzo dei classici tablet. In più il bagagliaio è davvero molto piccolo.

Honda e – listino e prezzi

Il listino di Honda e parte da 35.500 euro per la entry level mentre la versione Advance (della nostra prova su strada) attacca a 38.500 euro che ha davvero tutto di serie.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

TOP 5 city car ibride 2021 [VIDEO]

CITY CAR IBRIDE 2021: la TOP 5 con dimensioni, motori, consumi, prezzi
Le city car sono molte apprezzate in Italia per praticità e bassi costi di gestione. Con l’introduzione dell’elettrificazione e dei