Lotus: la piattaforma della Elise sarà venduta ad altri costruttori

Focus sull'elettrico, ma altri piccoli atelier potranno continuare lo sviluppo della piccola sportiva britannica

Lotus: la piattaforma della Elise sarà venduta ad altri costruttori

Come già vi avevamo segnalato qualche settimana fa, Lotus ha deciso di abbandonare completamente lo sviluppo di motori endotermici, concentrando tutti i suoi sforzi e la sua attenzione verso il mondo dell’elettrificazione, con la futura Lotus Evija. Sappiamo per certo che l’ultima Lotus con motore a benzina sarà la futura Emira, anticipata qualche settimana fa, perciò possiamo dirlo per certo: la Lotus Elise è definitivamente morta. 

Ad altri il compito di portare avanti la storia dell’Elise 

Lotus si è trovata a dover prendere una scelta: portare avanti una storia con poco futuro o pensare più in grande e rivisitare l’intero progetto. Ha prevalso la seconda opzione ma, appassionati di auto, nulla è perduto. Lotus ha infatti comunicato che chiunque lo vorrà, potrà acquistare direttamente dalla sede di Lotus la piattaforma della piccola Elise e sviluppare l’auto come meglio crede, per non far morire un capitolo così importante del mondo automobilistico nato nel 1995. 

La notizia arriva direttamente da Matt Windle, l’Amministratore Delegato di Lotus, ai microfoni di Automotive News dove appunto ha specificato che l’eredità della mitica Elise potrà essere raccolta da chiunque abbia intenzione di sviluppare ulteriormente il suo progetto. Sembra quindi il caso di Radford, piccolo atelier e costruttore inglese che ha recentemente anticipato l’arrivo di una nuova sportiva, appunto su base Elise che saprà elevare le doti dinamiche della piccola sportiva britannica ad un nuovo livello. 

Si tratterà di un’auto completamente diversa, con finiture ricercate, una carrozzeria da coupè e molte altre caratteristiche non presenti sulla Elise. Non abbiamo però dati certi alla mano, sappiamo solo che si farà. 

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati