Mazda CX-60 | Com’è & Come va

L’imponente giapponese spinta dal motore diesel elettrificato da 249 CV

Mazda CX-60 | Com’è & Come va


Mazda CX-60 l’ammiraglia giapponese che da poco più di un anno è entrata a testa alta nella categoria dei SUV Premium di segmento D. Un segmento dove la richiesta delle motorizzazioni diesel è molto forte ed il marchio di Hiroshima cala l’asso col suo nuovo sei cilindri, diesel, elettrificato.

Dimensioni e misure

La Mazda CX-60 ha una lunghezza di 474 cm, una larghezza di 189 cm e un’altezza di 168 cm. Essendo l’ammiraglia giapponese vanta dimensioni abbondanti ma ciò che colpisce principalmente è la forma del profilo. L’abitacolo è visibilmente arretrato. Il cofano anteriore allungato ospita il gran motore longitudinale ed il retrotreno è compatto. Caratteristiche che permettono di avere il miglior bilanciamento delle masse e rendere la CX-60 più dinamica e filante allo sguardo.

Estetica e design

Evidente è il design KODO che continua ad evolversi, sposando sempre di più il concetto del “less is more”. La calandra è mastodontica ma è alleggerita dalla tipica forma ad ala di Mazda con funzione di illuminazione. Si raccorda perfettamente con i nuovi gruppi ottici a sviluppo verticale e la nuova firma luminosa ad L. I passaruota sono muscolosi e grandi sono i cerchi in lega da 20 pollici. Il posteriore ha una forma più arrotondata e mostra gruppi ottici moderni a sviluppo orizzontale e un quadruplo terminale di scarico cromato. Un dettaglio, quest’ultimo, puramente estetico.

Interni e materiali

L’allestimento in prova è il Takumi, top di gamma di optional, dettagli e qualità dei materiali. Nel pieno della filosofia umano-centrica abbiamo tutti i comandi a portata di mano. Buona è la posizione di guida, il volante è fedele a quanto ad oggi ci ha abituato la casa giapponese. Dalla corona ampia, dall’ottima impugnatura e con comandi facili ed intuitivi sulle due razze. La plancia offre materiali di pregio sia nella pelle in Nappa White e sia nei tessuti con questa particolare trama che si sviluppa orizzontalmente. Belli ed inaspettati gli inserti in legno d’acero ma l’abbinamento cromatico lascia qualche dubbio. I materiali sono morbidi nella parte alta e duri nella parte bassa ma sempre di qualità. I sedili sono molto comodi, belli ampi e meno avvolgenti ma con dettagli estetici ricercati. Non solo, hanno la funzione memoria e tramite il riconoscimento biometrico del volto del conducente si adattano, insieme al volante, per la regolazione del profilo associato. Anche se a dire il vero, il Face Recognition, non sempre funziona.

Tecnologia e infotainment

Senza alcun di dubbio per Mazda è iniziata una nuova era e la CX-60 è la porta d’ingresso. Finalmente abbiamo un quadro strumenti da 12,3 pollici completamente digitale. Diverse sono le informazioni e personalizzazioni disponibili. Ben rappresentate sono le grafiche dei sistemi ADAS attivati. Grande è ben visibile sia di giorno che di notte la proiezione sul parabrezza dell’Head Up Display che mostra tutte le info guida; comprese le indicazioni di navigazione. Anche il sistema infotainment è su schermo da 12,3 pollici ma il layout del software non subisce alcun aggiornamento. Anche le soluzioni restano invariate, il display centrale è touchscreen solo quando si è fermi e solo sulle schermate di Apple CarPlay e Android Auto; disponibili con connessioni wireless. Durante la guida ci si affida alla classica manopola sul tunnel centrale, o meglio conosciuta come HMI Commander. Nell’abitacolo sono presenti prese da 12 volt, prese USB di tipo C e il pad della ricarica wireless che essendo poco profondo, forse, non rende efficiente la ricarica sugli smartphone di dimensioni maggiori.

Abitabilità posteriore

La CX-60 è comoda anche per le persone alte di statura. Ottimo è l’accesso alle poltrone posteriori. Spazio più che sufficiente anche per cinque persone. Il tunnel centrale ha un lieve rialzo che non dà alcun fastidio e il mobiletto dispone di presa da 220 volt, due prese USB di tipo C, la possibilità di scaldare le poltrone e due bocchette per la climatizzazione. In più, oltre ai vani porta oggetti e porta bibite posti nelle tasche delle portiere, abbiamo altri due vani porta bibite nel bracciolo centrale.

Bagagliaio

Apertura e chiusura elettro attuata. Il bagagliaio ha una capacità di 570 litri espandibili a 1.726. Il piano è molto regolare, nessun gradino per caricare i bagagli e in optional abbiamo un robusto tappeto in gomma. Al di sotto di esso spazio per le varie utilities/subwoofer e ai lati un vano porta oggetti con rete e una presa da 12 volt. Gli schienali delle poltrone, divisisi in rapporto 40/20/40, si possono abbattere comodamente tramite delle leve.

Prova su strada

Il motore diesel che equipaggia la CX-60 è il più potente disponibile della famiglia e-Skyactiv D, eroga fino a 249 CV. Dispone dell’avanzato sistema di combustione DCPCI che rende sorprendente il sei cilindri sia nelle doti di performance che nei consumi. Non solo, è abbinato ad un ottimo sistema M Hybrid Boost a 48 Volt. Il cambio automatico a 8 rapporti a doppia frizione è fatto in casa ed è dall’appeal sportivo che tramite i paddle al volante vanta quel tipico calcio quando si inserisce specie alle marce più basse. Diversamente gli innesti sono delicati, per una guida in pieno relax. Un relax dato anche dall’ottima insonorizzazione dell’abitacolo che fa molto meglio alle alte velocità che alle basse. Alle basse si avverte il sound del motore a sei cilindri che si fa sentire. Lo stesso diventa piacevole poi se si spinge sul pedale dell’acceleratore perché di grinta ne ha da vendere. La coppia che eroga è di 550 Nm che sono abilmente distribuiti su una trazione integrale intelligente. Un sistema che privilegia la trazione posteriore ed utilizza l’anteriore quando serve. In Mazda il piacere di guida viene prima di tutto e la CX-60 è l’ennesima conferma. In modalità Sport la progressione è molto forte, il motore è corposo e poderoso e ben assistito dalla parte ibrida.

Anche il reparto sospensioni soddisfa con una nuova architettura rivista data anche dallo spazio disponibile del posizionamento del motore longitudinale. All’anteriore è un doppio braccio oscillante e al posteriore è di tipo multi-link. Il lavoro che si è svolto principalmente è di far lavorare la corsa delle sospensioni solo verticalmente in alto e in basso, senza scuotimenti laterali o longitudinali. In curva tiene molto bene la strada. Per quanto la CX-60 sia imponente non soffre di un effetto rollio marcato, si comporta decisamente meglio della CX-5 anche nei cambi di direzione. Un ottimo risultato raggiunto anche tramite il sistema KPC (Kinematic Posture Control) che contribuisce a stabilizzare la postura del veicolo in curva, frenando la ruota posteriore interna per ridurre il rollio e trascinare il corpo vettura verso il basso. La frenata è buona anche se gli manca un po’ di mordente per quanto il pedale del freno sia duro da spingere. Ottimi tutti i sistemi ADAS, e sono ben rappresentati sul quadro strumenti digitale. Anche il mantenimento di corsia è ben tarato, così come il cruise control di tipo adattivo anche se quest’ultimo a strada libera tende ad accelerare troppo repentinamente per raggiungere la velocità desiderata.

I consumi dichiarati sono di 5,3 litri/100 km e nella nostra prova ci siamo attestati sui 6,9 litri/100km. Pensate che, quando abbiamo provato il 200 CV in una prova di economy drive abbiamo consumato meno di 4 litri/100 km. Un risultato eccezionale per un motore a 6 cilindri da 3,3 litri.

Allestimenti e prezzi

La Mazda CX-60 parte da un prezzo di 53.120,00 euro per l’allestimento Prime Line con il motore e-Skyactiv D da 200 CV. Oltre ad altri allestimenti tra cui l’Exclusive Line e l’Homura, molto interessante è la motorizzazione benzina sempre a 6 cilindri e-Skyactiv PHEV (ovvero la plug-in hybrid) dalla potenza di 327 CV. La nostra versione in prova è in allestimento Takumi, col motore diesel da 249 CV e con tutti gli optional presenti tra cui la vernice Rhodium White, si raggiunge rapidamente il prezzo di 71.670,00 euro.

La CX-60 è un notevole passo in avanti per Mazda che si conferma sempre di più nel panorama delle vetture Premium, anche nel prezzo. Tutte le soluzioni ci hanno davvero convinto. Di certo, restano ancora troppo fedeli allo schermo no touchscreen durante la guida e la grafica del sistema infotainment non ha subito particolari aggiornamenti. Poi la frenata automatica di emergenza è un po’ invasiva specie durante la retromarcia. Il motore diesel è un capolavoro di tecnologia a sei cilindri e ringraziamo Mazda nel continuare ad investire nell’evoluzione dell’endotermico.

Pro e Contro

Ci PiaceNon Ci Piace
Dimensioni, guidabilità, motore eccellente Schermo no touchscreen, frenata d'emergenza automatica invasiva

SCHEDA TECNICA – Mazda CX-60 e-Skyactiv D

Dimensioni: 4,74 m lunghezza x 1,89 m larghezza x 1,68 m altezza x 2,87 m passo
Motore: 3.3 diesel da 249 CV + elettrico da 17 CV
Capacità Batteria: 0,33 kW/h
Trazione: AWD
Cambio: automatico a 8 rapporti (doppia frizione)
Accelerazione: da 0 a 100 km/h in 7,4 secondi
Velocità massima: 219 km/h
Allestimento: Takumi
Bagagliaio: da 570 litri, 1.726 litri con i sedili reclinati
Consumi: 5,3 l/100 km
Prezzo: da 53.120,00€

Rate this post
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Array
(
)
Mercedes Classe A 250e | Com’è & Come va Mercedes Classe A 250e | Com’è & Come va
Auto

Mercedes Classe A 250e | Com’è & Come va

L’hatchback di Stoccarda si rinnova col facelift di metà carriera
 Mercedes-Benz Classe A è l’auto compatta di Stoccarda sempre attenta alle esigenze del mercato e alle mode del momento.
Mercedes-Benz GLA 200d | Com’è & Come va Mercedes-Benz GLA 200d | Com’è & Come va
Auto

Mercedes-Benz GLA 200d | Com’è & Come va

Design rinnovato, nuove tecnologie ed un affidabile motore diesel
 Mercedes-Benz GLA è un bestseller in Italia, pensate che dal 2014 ha conquistato oltre 27.300 clienti. Il nuovo restyling