Mazda: la storia del logo dal 1920 ad oggi [FOTO]

Come si è evoluto l'emblema del marchio giapponese

La storia di Mazda è ormai ultracentenaria, anche se solamente nel 1931 uscì dalla fabbrica il primo veicolo (il furgone a tre ruote Mazda-Go) e la prima vettura arrivò nel 1960. Sono tanti i passaggi e gli aggiornamenti, compresi quelli relativi al logo della casa giapponese. Si è evoluto varie volte nel corso di questi cent’anni, con il cambiamento dell’attività e seguendo uno stile contemporaneo.

Il primo nel 1927, poi diventò Mazda

La storia dei loghi parte nel 1927, quando Toyo Cork Kogyo fu ribattezzata Toyo Kogyo e presentò un semplice stemma, con un cerchio rosso con piccole linee rosse orizzontale, a rappresentazione del desiderio e dell’impegno costante verso il futuro.

Il nome Mazda comparve per la prima volta nel 1934, quando iniziò la produzione dei furgoni a tre ruote e l’Azienda aveva bisogno di un marchio specifico per allontanarsi dagli strumenti e macchinari pesanti. Il logo era una semplice versione stilizzata del nome Mazda, ed era presente sui serbatoi laterali del Mazda-Go. Restò fino al 1954, anche se dal 1936 fu accompagnato anche da un logo ispirato al simbolo della città di Hiroshima.

L’arrivo delle auto

Come dicevamo, solo dal 1960 il costruttore giapponese iniziò a produrre le auto e, per questo motivo ci fu bisogno di un nuovo logo. Sulla Mazda 360 il simbolo era un semplice cerchio con al centro una M cromata e allungata ai lati in alto e in basso sino ad incontrare la circonferenza esterna. Ebbe grande successo ed questo logo rimase sulle auto fino al 1975, pur con qualche cambio di colori per alcuni modelli.

Arrivando agli anni ’70, ci fu un nuovo cambiamento, riportando alla scritta ‘Mazda’ e con una grafica ancora oggi piuttosto simile. Fu adottato da auto, camion e furgoni in un periodo di grande crescita per Mazda, e questo semplice emblema figurava su carrozzeria, ruote e abitacolo delle vetture e appariva in tutte le pubblicità, gli stabili, la rete di vendita e l’identità aziendale della casa.

Un simbolo moderno

Il 1997 segnò un cambiamento importante per il logo, con l’introduzione del blu nel colore della scritta e l’inedito emblema con ali a forma di V per indicare crescita e miglioramento. È il logo che tuttora capeggia sulle vetture della casa giapponese, seppur con alcune piccole revisioni per arrivare a quello attuale.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Auto

Mazda MX-30 2021 | Com’è & Come Va

La prova su strada ed i consumi del SUV elettrico
Anche in questo torrido sabato di metà agosto noi ci siamo e vi proponiamo una nuova puntata del nostro ‘Com’è