Opel Manta GSe diventa ElektroMOD: il VIDEO dell’add on

I padri della Manta GSe hanno avviato di propria iniziativa il progetto di una “dream car”

Opel Manta GSe diventa ElektroMOD: il VIDEO dell’add on

L’Opel Manta si trasforma in una ElektroMOD a zero emissioni con un volto modernissimo. Sotto l’iconico cofano nero di Opel, il motore benzina quattro cilindri cede il posto a un potente propulsore elettrico. La “e” di GSe adesso significa elettrica. La carrozzeria giallo neon, pura e di una bellezza classica, mostra uno smagliante sorriso grazie alla più recente tecnologia LED. La Opel Manta originale con la sua disposizione geometrica di fari, griglia del radiatore e logo del “Blitz” era stata la fonte di ispirazione del nuovo volto di Opel, il Vizor ora presente su Opel Mokka e Opel Crossland. Adesso anche la Opel Manta GSe ElektroMOD monta questo elemento nella sua versione più innovativa: l’espressivo Pixel-Vizor.

Opel Manta GSe ElektroMOD (2021)

Il Pixel-Vizor Opel si estende per tutta la larghezza del veicolo come una visiera protettiva e fa partire dei veri e propri fuochi d’artificio digitali. La Opel Manta GSe è infatti in grado di comunicare con l’ambiente circostante. “Il mio cuore tedesco è stato ELEKTRizzato” si può leggere sul nuovo anteriore. “Sono in e-missione zero”, “Sono una ElektroMOD”, spiega la GSe e un attimo dopo compare la silhouette di una Manta che si muove lungo il Pixel-Vizor. I designer Opel si sono divertiti parecchio con il leggendario logo della Manta e gli hanno dato la forma di un QR Code. L’inconfondibile marchio di fabbrica del costruttore tedesco brilla al centro della vettura e dal cerchio partono due fulmini che si dirigono all’interno delle eleganti luci per la marcia diurna con LED del Vizor. Semplicemente elettrizzante. Opel fino al midollo.

“La Opel Manta GSe ElektroMOD è il frutto della passione di designer, modellisti in 3D, ingegneri, tecnici, meccanici, specialisti di prodotto e del marchio”, spiega Pierre-Olivier Garcia, Opel Global Brand Design Manager, per conto del team Manta GSe. “Tutti appassionati di Opel al cento per cento, che amano le automobili e si divertono a sviluppare novità. Con la Opel Manta GSe costruiamo un ponte che parte dalla grande tradizione Opel per raggiungere un auspicabile futuro sostenibile. Questa miscela di zeitgeist e modernità è assolutamente affascinante”.

La Opel Manta GSe ElektroMOD è una reminiscenza della Opel Manta A del 1970. Allo stesso tempo questa vettura riflette la passione di una crescente community di appassionati che trasformano auto classiche come la Opel Manta in RestoMods dotati di tecnologie moderne e di un nuovo design. La Opel Manta GSe ElektroMOD elettrica a batteria con il cruscotto completamente digitale è sportiva come una vera Opel GSe e ha un nome che rivela con orgoglio le proprie ambizioni. MOD significa cambiamento, MODifiche tecniche e stilistiche e uno stile di vita sostenibile e MODerno.

Cambiamenti che la nostra società vive ogni giorno. Cambiamenti verso soluzioni più sostenibili, che hanno motivato anche il giovane team di sviluppatori Opel. I padri della Manta GSe hanno avviato di propria iniziativa il progetto di una “dream car”. Il piano è stato definito dopo numerose sessioni di brainstorming e nel magazzino di Opel Classic si è trovata una Manta A adatta allo scopo, che aspettava solo di essere riportata in vita. A partire da quel momento ognuno si è fatto prendere dalla pura passione per l’automobile. Tutto questo entusiasmo ha contagiato immediatamente i “Responsabili Auto” della dirigenza Opel e così l’idea di una ElektroMOD supermoderna è diventata realtà.

In questo momento, la nuova Opel Manta GSe ElektroMOD sta ricevendo i ritocchi finali a Rüsselsheim. Il 19 maggio 2021, questa auto neo(n)-classica sarà presentata in tutti i suoi incredibili dettagli.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati