Renault parteciperà al progetto Zero Emission City

Renault parteciperà al progetto Zero Emission City

L’Ufficio Stampa della casa automobilistica francese Renault ha annunciato, alcune ore fa, l’adesione del brand della Losanga al progetto del Comune di Parma denominato “Zero Emission City”: l’iniziativa proposta dall’Amministrazione della città italiana ha come filo conduttore la mobilità ecologica/alternativa e prevede un investimento (pari a 9 milioni di euro, che dovranno fare le casse del paese, per dirla in maniera spicciola) per realizzare un grande reticolato di 300 punti di ricarica (per automobili elettriche), diffusi nel tessuto urbano in maniera capillare.

Il progetto “Zero Emission City” di Parma mira, in sostanza, ad una maggiore distribuzione delle automobili elettriche nel paese ed è per questo che Renault ha abbracciato l’iniziativa: tra il 2011, l’anno corrente, ed il 2012, l’anno successivo, la casa motoristica francese commercializzerà in Italia quattro nuovi veicoli elettrici (il multispazio Kangoo Express Z.E, la berlina Fluence Z.E., l’utilitaria Twizy e la hatchback compatta Zoe).

Insieme, il brand della Losanga e il Comune di Parma stanno studiando e mettendo a punto alcune sinergie per la diffusione della “cultura elettrica” nella città e per impostare un maggiore sfruttamento di questa tipologia ecologica di vetture: ad esempio, tra le possibilità al vaglio, ci sono il car sharing oppure un servizio di trasporto merci. La collaborazione di Renault al progetto “Zero Emission City” è stata ufficializzata nelle scorse ore, alla presenza, tra gli altri, di Antonio Tajani, vice-Presidente della Commissione Europea, e Pietro Vignali, Primo Cittadino di Parma.

Chissà se, successivamente all’esempio di Parma, altri paesi italiani si muoveranno in questa direzione.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati