Toyota, nel primo semestre del 2012 è il costruttore che vende di più al mondo

Sopraffatti General Motors e Gruppo Volkswagen

Il Gruppo Toyota, secondo quanto divulgato da Bloomberg, ha consegnato nei primi sei mesi del 2012 4,97 milioni di automobili nel mondo contro i 4,67 milioni di veicoli del colosso americano GM e i 4,45 milioni di veicoli della società tedesca Volkswagen
Toyota, nel primo semestre del 2012 è il costruttore che vende di più al mondo

Era scivolato, alla fine dell’anno 2011, al terzo posto, a causa di alcuni problemi di vario genere (il terremoto e lo tsunami, l’abbondante campagna di richiami, la crisi economica europea e nordamericana). Ma il colosso giapponese Toyota Motor Company non s’è lasciato travolgere dalla sconfitta ed oggi, dopo appena sei mesi dal ribaltone, il gruppo torna in vetta alla classifica mondiale, cioè ritorna ad essere la società con il maggior numero di vendite su scala globale.

Nei primi sei mesi dell’anno in corso, il Gruppo Toyota ha superato General Motors (1° alla fine del 2011) e Gruppo Volkswagen (2° posto alla fine del 2011), consegnando 4,97 milioni di automobili nel mondo contro i 4,67 milioni di veicoli del colosso americano e i 4,45 milioni di veicoli della società tedesca. I dati sono stati raccolti e diffusi da Bloomberg e quindi non c’è la piena certezza della precisione dei numeri citati.

La parziale rivincita del Gruppo Toyota (la sicurezza di questa rimonta la si avrà solo con i dati di tutto l’anno) è stata possibile grazie agli ottimi risultati conseguiti nel mercato nordamericano e nel mercato giapponese. La battaglia del colosso non è però facile: General Motors continua a crescere e non ha intenzione alcuna di lasciare troppo spazio alla società nipponica, mentre il Gruppo Volkswagen è ancora deciso a diventare entro il 2018 il primo costruttore mondiale.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Notizie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati