Volvo C40 Recharge: il SUV elettrico parte da 57.500 euro [FOTO]

Le prime consegne sono previste all'inizio del 2022

Non si può certo dire che a Volvo non piacciano le scommesse. Dopo l’annuncio di inizio marzo dell’obiettivo della casa di produrre solo auto elettriche entro il 2030 e poi di essere carbon neutral entro il 2040, ora arriva sul mercato la Volvo C40 Recharge, il primo SUV nato completamente elettrico della casa svedese. Proprio in questa sua esclusività si nasconde la prima caratteristica del modello, che non verrà mai proposto in altre motorizzazioni e, soprattutto, verrà venduto solamente online, con luoghi come il Volvo Studio di Milano adibiti all’incontro concreto tra il cliente e la macchina.

Deriva dalla XC40, ma con il suo stile personale

La base del progetto della Volvo C40 Recharge è comunque la XC40 (qui tutte le caratteristiche), che la ricorda per molti versi. Le sue forme, però, sono più da SUV coupé, con linee nettamente più slanciate e sinuose. La sua lunghezza è di 4,3 metri, con una larghezza da 1,8 metri e un’altezza da 1,6 metri.

Il frontale è esattamente quello della versione elettrica della sua sorella, con la griglia completamente chiusa dello stesso colore della carrozzeria. Interessante anche il posteriore, che presenta un lunotto molto inclinato e, soprattutto, un doppio spoiler, sia sopra che ai piedi del lunotto. Ai lati troviamo invece le caratteristiche luci della casa che arrivano a coprire quasi tutto il montante, rimandando idealmente ad auto del passato come la C30. Particolari anche i fari anteriori, che oltre alla classica forma a “martello di Thor” saranno anche composti di una nuova tecnologia a pixel.

Parola d’ordine: ecologia

Volvo ha da sempre puntato moltissimo sul tema ambientale, prendendo anche parte a progetti ecologisti di grande spessore. Per lo stesso motivo anche un’auto come la Volvo C40 Recharge non poteva essere da meno, presentandosi come la prima ad eliminare completamente qualsiasi elemento in pelle dai suoi allestimenti. Una mossa che, comunque, tornerà anche utile nella semplificazione della gamma e nell’accelerazione dei tempi di consegna.

Oltre alle sellerie “cruelty-free” la C40 è dotata di tecnologie di ultima generazione, tra le quali sono da citare il sistema di infotainment basato su Android e, di conseguenza, con supporto ad app come Google Maps, Google Assistant e Google Play Store. Non mancano anche numerosi ADAS, con il pacchetto Pilot Assist, comprensivo di cruise control adattivo, rilevazione dell’angolo cieco e frenata automatica d’emergenza.

Autonomia fino a 420 km

Per quanto riguarda invece il motore della Volvo C40 Recharge, abbiamo a che fare con il medesimo già montato sulla XC40 Recharge. Si parla perciò di un sistema composto da due unità da 150 kW ognuna (408 CV potenza complessiva), collegate ad una batteria agli ioni di litio con una capienza da 78 kWh, ricaricabile secondo i dati anticipati dalla casa fino all’80% in circa 40 minuti con la ricarica veloce.

L’autonomia massima dichiarata dal marchio svedese è di 440 km, mentre la sua accelerazione permette lo scatto da 0 a 100 in appena 4,9 secondi, merito anche dei 660 Nm di coppia immediatamente disponibili all’accensione.

Produzione e prezzi

La Volvo C40 Recharge è prodotta nello stabilimento belga di Gand, con consegne previste dall’inizio del 2022. La vettura arriva in Italia nell’allestimento 1st Edition, praticamente full optional, con un listino prezzi a partire da 57.500 euro.

5/5 - (2 votes)

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati