Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio vs BMW M4 vs Audi RS5: chi è la più veloce sul quarto di miglio? [VIDEO]

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio vs BMW M4 vs Audi RS5: chi è la più veloce sul quarto di miglio? [VIDEO]

Una sfida che doveva essere fatta. Qual è la berlina o coupè più veloce attualmente in commercio? Non possiamo che portare due grintosissime tedesche, ovvero la BMW M4 e l’Audi RS5 (mancherebbe la Mercedes C63 AMG) accompagnate dalla rombante italiana Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio che tanto amiamo.

Giulia quadrifoglio, la più potente sulla carta

Partiamo con la “nostra” italiana, una delle più desiderate e amate del bel paese. Il rilancio di Alfa Romeo è nato da lei, con i suoi 510 CV e 600 Nm scaturiti dal potentissimo 2,9 V6 biturbo di derivazione Ferrari con quel sound così feroce e aggressivo. Sulla carta rimane la più potente e anche la più leggera con i suoi soli 1.520 kg, pur essendo l’unica ad avere 4 porte. Guardando i dati, lo 0-100 km/h viene coperto in 3,9 secondi ma scaricandoli solo sulle ruote posteriori potrebbe avere dei problemi con la trazione integrale dell’Audi.

Audi RS5, l’unica con la trazione integrale

Passiamo ora in Germania per la velocissima Audi RS5 con il suo portentoso 2.9 V6 biturbo da 450 CV e 600 Nm di coppia abbinato all’efficacissima trasmissione automatica S-Tronic e alla trazione integrale Quattro. E’ decisamente veloce con il suo tempo di 3,9 secondi per toccare i 100 km/h ma è anche la più pesante, con ben 1.700 kg di peso totale.

BMW M4 2019, la meno potente

In ultima istanza arriva la seconda tedesca, anche lei dotata di un fantastico 3.0 6 cilindri ma disposto in linea, come vuole la tradizione bavarese, capace di erogare 431 CV e 550 Nm di coppia. Anche lei è dotata di cambio automatico doppia frizione a 6 rapporti ma butta tutta la potenza sulle ruote dietro. Il peso si pone a metà fra le altre due, con ben 1.650 kg totali.

Chi la spunterà delle tre? Che gustatevi il fantastico video di Carwow.uk e traete le vostre conclusioni.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati