Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm: progressione e tecnica testate da Räikkönen e Giovinazzi [FOTO E VIDEO]

I piloti di Alfa Romeo Racing – ORLEN Formula 1 al Balocco

Un ruggito a tratti costante. Vaga assieme alla forza impressa ed espressa lungo l’asfalto del Balocco, richiamata dai piloti del team Alfa Romeo Racing – ORLEN Formula 1 Kimi Räikkönen e Antonio Giovinazzi. Toni focosi e baritonali. È il timbro del V6 che tuona sotto il cofano delle Alfa Romeo Giulia GTA e GTAm.

Due potenti configurazioni

GTA, ossia “Gran Turismo Alleggerita”, è una delle sigle della tradizione. Una delle più vincenti, delle più suggestive e iconiche, tornata nell’occasione con la ricorrenza dei 110 anni di Alfa Romeo. Concettualmente Giulia GTA rimanda a quanto fatto nel 1965, alla storica GTA sviluppata da Autodelta. Un nome a sua volta visibile sui fianchi della nuova generazione. Allora si partiva da una Giulia Sprint GT, mentre la nuova edizione limitata è imparentata con la potente versione Quadrifoglio, ancora affinata e potenziata. Sotto il cofano batte sempre un motore 2.9 V6 Bi-Turbo capace di esprimere 540 cavalli. E nel caso delle più estrema GTAm, l’ulteriore riduzione di 100 Kg si traduce in un interessante rapporto peso/potenza di 2,82 kg/cavallo, come ricordato.

Il talento dei piloti e materiali sofisticati

Nel filmato proposto da Alfa Romeo sono protagonisti anche i due piloti di Formula 1, impegnati in test a bordo di Giulia GTA e Giulia GTAm. Si parla delle componenti aerodinamiche, degli aspetti tecnici e affiora il dinamismo espresso nei diversi settori dello storico Centro Sperimentale Balocco. Tra informazioni, opinioni, sensazioni espresse ai tecnici, si valuta il carattere potente dei nuovi esemplari GTA, citando anche la partnership con Sauber Group AG alla luce delle diverse parti aerodinamiche in carbonio.

Video: Alfa Romeo
Foto: Alfa Romeo Racing

5/5 - (1 vote)

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati