BMW iX xDrive50: un’astronave elettrica fino a 630 km di autonomia, prova su strada [VIDEO]

Prova su strada, autonomia e prezzi della nuova ammiraglia elettrica di BMW

Lei è la nuova BMW iX, l’imponente SUV costruito su una piattaforma nativa elettrica che allarga la famiglia dei veicoli a zero emissioni del costruttore bavarese. E’ tecnologica, con un design di rottura e interamente pensata per assicurare il massimo comfort a bordo. Sfrutta soluzioni innovative per abbattere le emissioni di CO2 durante tutto il ciclo di vita del prodotto, dal suo assemblaggio fino al recupero della batteria. Potenze fino a 523 CV per la gestione xDrive50 che abbiamo provato, con batteria da 111,2 kWh, un’autonomia di 630 km e un prezzo di partenza da 103 mila euro

Attenta all’ambiente, dall’inizio alla fine 

La Nuova BMW iX sarà prodotta nello stabilimento di Dingolfing in Germania, seguendo dei rigidi standard qualitativi legati anche all’approvvigionamento di componenti tramite fornitori “green”. L’interno stabilimento e gli stessi fornitori eseguiranno le principali attività produttive sfruttano per la stragrande maggioranza energie rinnovabili. L’intera vettura è costruita, assemblata e progettata in Germania, eccezion fatta per la chimica delle batterie. Materie come cobalto e litio sono reperite in Australia e Marocco tramite fonti controllate per poi essere cedute ai 3 diversi partner che si occupano della produzione delle batterie (di cui solo uno cinese). I motori elettrici della BMW iX sono realizzati con una tecnologia particolare che consente di non adoperare terre rare al loro interno, non disponendo della classica composizione a magneti permanenti ma sfruttando una sorta di bobina che genera un campo magnetico indotto. Anche la batteria riuscirà ad essere riciclata per l’80’% (a seguito degli 8 anni o 160 mila km di garanzia) dei suoi componenti (con una media di mercato di solo il 60%) grazie ad una partnership d’eccezione siglata con una società tedesca specializzata nel recupero di materiali sensibili. 

Anche all’interno molti componenti derivano da fonti riciclate: sono impiegate reti da pesca per la realizzazione di alcune plastiche dell’abitacolo, così come per i tessuti dei sedili e di altri rivestimenti. Buona parte dell’alluminio secondario (non strutturale) è riciclato, così come il legno FSC della plancia, senza dimenticare le pelli conciate con estratti di forgie d’ulivo e altri materiali naturali.

Design di rottura, cx aerodinamico da record

Siamo sinceri, potrebbe non piacere ad un primo sguardo, ma è innegabilmente una calamita per gli occhi. Ha forme a metà tra un crossover di grandi dimensioni (ben 4,95 metri di lunghezza per 2 metri di larghezza) e un SUV ribassato, con cerchi fino a 21 pollici specificamente studiati per ridurre l’attrito aerodinamico e il rumore in marcia. Grande attenzione all’aerodinamica, con un cx di 0,22, un record per il segmento, persino inferiore a molte berline coupè di alta gamma. Il fondo è carenato e nel posteriore spunta un generoso estrattore.

Nel frontale si segnala la presenza dei Fari LED Laser oltre ad una mascherina chiusa realizzata in poliuretano: tramite la presenza di molteplici strati, è in grado di auto ripararsi da graffi e segni superficiali sfruttando energia termica con la temperatura ambientale. Sotto ad essa sono integrati tutti i radar e sensori per la guida autonoma fino al secondo livello. Lateralmente colpisce per una spiccata fluidità delle linee, con maniglie a scomparsa nella carrozzeria, vetri privi di cornice e un posteriore particolarmente tondeggiante, per assecondare i flussi aerodinamici in uscita.  

Interni ricercati, lussuosi e green

Come detto, grande attenzione è stata riposta per gli interni da parte dei designer. Si tratta probabilmente della vettura contemporanea con gli interni più vicini a quelli di un prototipo: si può trovare legno, tessuto, velluto, pelle e cristallo. A richiesta si possono infatti avere i comandi per la regolazione elettrica dei sedili, il rotore per la gestione dell’infotainment e il manettino per selezionare la marcia in cristallo lavorato, un tocco di stile non da poco per l’abitacolo. Non manca il tetto panoramico capace di oscurarsi automaticamente in caso di luce intensa o selezionabile con un comando dedicato.

Sorprende anche il senso di spazio a bordo, non solo per i 3 metri di passo di cui è dotata. C’è margine in ogni direzione e i ridotti ingombri dovuti all’esile meccanica elettrica sono stati sfruttati al meglio dai designer. La plancia è profonda, donando un senso di spazio da record, mentre nel retro non è presente alcun tipo di intralcio per il quinto passeggero centrale che anzi gode di moltissimo spazio per i piedi. Tra le chicche si segnalano i poggiabraccio della portiera e del tunnel centrale anteriore riscaldati, sedili massaggianti e impianto audio Bowers & Wilkins impressionante, con 32 altoparlanti (di cui molti nel poggiatesta) e tecnologia Sorround 4D, un prezzo come optional da oltre 4 mila euro. 

Nuovo sistema di navigazione BMW Operating System 8

Una grande rivoluzione per la casa bavarese che fa debuttare il nuovo sistema operativo nativo per i suoi infotainment curvo da 14,9 pollici di diagonale. Anni luce avanti rispetto a quelli di BMW attualmente in commercio: è connesso, intelligente, apprende dalle nostre abitudini ed è dotato di innumerevoli chicche per intrattenere i passeggeri a bordo. Forse il sistema più avanzato oggi in commercio, capace di mettere in relazione la meccanica dell’auto con la rete di colonnine di ricarica intorno a noi. Ricalcola il percorso verso la nostra destinazione sulla base dell’autonomia residua, del nostro stile di guida e dell’efficienza in termini di tempo sulla base della potenza di ricarica di una specifica colonnina. E’ inoltre in grande di attivare il riscaldamento preventivo della batteria in caso selezionassimo una stazione di ricarica fast da cui rifornirci. 

Batteria, ricarica e autonomia 

La Nuova BMW iX xDrive50 sfrutta un pacco batterie agli ioni di litio da 111,5 kWh di capacità lorda, di cui realmente utilizzabili circa 105 kWh. Per la BMW iX xDrive40 invece il pacco è ridotto a 76,7 kWh di cui utilizzabili 71. E’ dotato di circa 5 diverse unità ed è riparabile fino alla singola cella. E’ posizionata in modo orizzontale sotto al pianale dell’auto, solidale con esso, dotato di un sistema di gestione termica autonomo per aumentarne l’efficienza. La BMW iX non sfrutta purtroppo una rete di bordo da 800V ma solo fino a 369V, potendo accettare la ricarica fast fino a 200 kW (150 kW per la xDrive40). Con la rete di ricarica Ionity (inclusa nel servizio BMW Charging) è possibile ricaricare dal 10% all’85% della batteria in circa 35 minuti. Predisponendo la ricarica tramite il sistema di navigazione si risparmia qualche minuto fornendo la temperatura adeguata alla batteria per potere ricevere subito la potenza massima. Da una colonnina a 11 kW in corrente alternata i tempi di ricarica salgono a circa 11 ore. BMW offre una garanzia di 8 anni o 160 mila km sull’interno pacco batteria. 

L’autonomia dichiarata da BMW per la iX xDrive50 con pacco battere da 111,5 kWh è di circa 630 km in ciclo WLTP con condizioni ottimali. Nel nostro viaggio da Milano a Champoluc, con un dislivello di circa 1.400 metri, oltre l’80% di percorso autostradale, temperature rigide e pneumatici invernali (quindi tutte condizioni avverse ad un’auto elettrica) è stato necessario effettuare una sosta di ricarica rapida alla stazione Ionity di Aosta. Probabilmente con uno stile di guida attento, Cruise control per tutta la tratta e modalità efficiency saremmo riusciti a tornare a Milano con una sola carica (circa 386 km). 

Prova su strada 

Bastano pochi metri per poter apprezzare l’enorme comfort di bordo che la nuova BMW iX è in grado di offrire. Non solo per quanto riguarda le ottime sospensioni pneumatiche adattive, i doppi vetri o l’ampio materiale fono assorbente ma deriva proprio dall’estrema solidità assicurata del nuovo telaio, specifico per lei. E’ realizzato con materiali termoplastici, carbonio, acciaio e leghe leggere per garantire il massimo della rigidità strutturale e il minor peso possibile, senza contare l’enorme pacco batterie da 111 kWh che risulta ancorato al telaio nella parte inferiore, abbassandone il baricentro.

In questo modo il peso complessivo della nuova BMW iX arriva ad un totale di ben 2 tonnellate e mezzo, tuttavia l’auto su strada appare più agile e maneggevole del previsto, complici appunto le superlative sospensioni pneumatiche e un attento studio dei tecnici di BMW nel rendere dinamica la sua ingente mole. Non bisogna dimenticare l’asse posteriore sterzante che, alle basse velocità ruota in controfasce per agevolare le manovre mentre alle alte andature sterza in parallelo per favorire i cambi di direzione. In modalità Sport poi, le sospensioni si fanno più rigide e si rivela quasi sportiveggiante nell’approcciare le curve, con i limiti appunto di una stazza e un peso di questo tipo.

Sempre in relazione al peso appare poi energica la spinta assicurata dai suoi due motori elettrici da 523 CV e 760 Nm di coppia complessivi, per la nostra versione xDrive50. In questo modo, scatta sullo 0-100 km/h in soli 4,6 secondi fino ad una velocità massima di ben 200 km/h, seppur autolimitati. La trazione è quindi integrale, potendo disporre di un motore per ogni asse. Non abbiamo avuto la possibilità di metterla alla prova su fondi scivolosi, neve o fango, ma su asfalto è riuscita a convincere per una rapida ripartizione della coppia a seconda del grip delle ruote, premiando sempre la sicurezza piuttosto che la sportività.

Prezzi 

La nuova BMW iX è ovviamente un’auto ricchissima soprattutto dal punto di vista dei contenuti, con optional e accessori per tutti i gusti, anche i più particolari. Il prezzo è ovviamente salato, trattandosi di un’ammiraglia elettrica: si parte da 84 mila euro per la versione xDrive 40, meno potente e da circa 103 mila euro per la xDrive50 da noi provata, al vertice della gamma.

BMW iX xDrive50: Scheda Tecnica

Dimensioni: 4,95 m lunghezza x 1,97 m larghezza x 1,70 m altezza x 3,00 m passo
Motori: 2 elettrici da 523 CV (258 CV + 312 CV)
Coppia massima: 765 Nm
Batteria: 111,5 kWh (105,2 kWh effettivi)
Trazione: integrale
Cambio: 2 rapporti
Accelerazione: da 0 a 100 km/h in 4,6 s
Velocità massima: 200 km/h (limitata)
Bagagliaio: 500 litri
Consumi: 19,8 kWh/100 km (dichiarato)
Autonomia: 630 km (WLTP)
Prezzo: Da 103.000 €

5/5 - (1 vote)

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati