Mercedes-Maybach GLS: Brabus presenta la sua ultima creazione

Il motore V8 biturbo da 4 litri è stato potenziato con il modulo di controllo PowerXtra ideato dal tuner

Brabus ha presentato nelle scorse ore la sua ultima creazione che riguarda questa volta il lussuoso Mercedes-Mayback GLS. Il famoso preparatore tedesco ha installato uno spoiler anteriore in fibra di carbonio, una griglia frontale con il suo logo, un diffusore posteriore in fibra di carbonio e una presa d’aria sempre in fibra di carbonio, oltre a una carrozzeria dove il nero regna sovrano.

Il Mayback GLS è stato dotato di pedane laterali elettriche e un impianto di scarico in acciaio inossidabile con terminali in nero opaco. Il rivestimento cromato è stato sostituito da inserti in Shadow Grey mentre i cerchi da 24” sono stati progettati dalla stessa Brabus. Le sospensioni AirMatic sono state appositamente calibrate per accogliere senza problemi i nuovi cerchi mentre l’altezza da terra è stata abbassata di circa 25 mm.

Mercedes-Maybach GLS Brabus 800

L’abitacolo

Passando all’abitacolo, lo speciale Mercedes-Mayback GLS by Brabus dispone di un rivestimento in pelle Leonis Orange che contrasta con il rivestimento in fibra di carbonio. Non mancano pedaliera in alluminio, inserti in Shadow Grey e due tavolini retrattili.

Il motore

A livello meccanico, Brabus ha modificato il motore V8 biturbo da 4 litri del SUV ultra lussuoso in quanto adesso riesce a sviluppare ben 800 CV di potenza e 950 Nm di coppia massima. Parliamo di un aumento di 243 CV e 220 Nm rispetto al veicolo di serie.

Ciò è stato reso possibile grazie all’installazione di nuovi turbocompressori e del modulo di controllo PowerXtra ideato dalla società di tuning. Adesso, il Mercedes-Mayback GLS impiega 4,5 secondi per passare da 0 a 100 km/h e raggiunge una velocità massima di 300 km/h (limitata elettronicamente).

Mercedes-Maybach GLS Brabus 800

Rate this post

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati