Codice della strada, novità sulle multe: proventi ora destinabili anche a Protezione civile e alpini

Approvato l'emendamento della Lega al Decreto Semplificazioni

Codice della strada, novità sulle multe: proventi ora destinabili anche a Protezione civile e alpini

I proventi delle sanzioni amministrative per violazione del Codice della strada potranno essere destinati anche all’acquisto di automezzi, mezzi e attrezzature della Protezione civile e degli alpini. È questa la novità introdotta dall’emendamento, presentato dalla Lega ed approvato, al Decreto Semplificazioni che modifica l’articolo 208 del DL 30 aprile 1992, n. 285 relativo al Codice della strada.

Questa novità permetterà ai sindaci di destinare le risorse provenienti dalle multe non solo alla Polizia locale e provinciale, ma anche ai gruppi di Protezione civile o di alpini, per la finalità di protezione civile di competenza dell’ente comunale.

Idea nata dall’ascolto del territorio

Un emendamento di buonsenso, come lo definiscono i deputati Massimiliano Capitanio, primo firmatario, ed Elena Maccanti, capogruppo Lega in Commissione Trasporti, che nasce dall’ascolto del territorio: “Durante l’emergenza Covid i sindaci hanno spesso dovuto supportare l’azione di tanti gruppi di volontari, faticando però, spesso, a reperire i fondi necessari: questa novità renderà la collaborazione più efficace. Un ringraziamento particolare va all’assessore alla Sicurezza della città di Monza, Federico Arena, che è stato il primo a sollecitare questa integrazione al Codice della strada. L’idea di questa modifica è nata infatti on the road, durante la manifestazione del 2 giugno 2021, da una chiacchierata con l’assessore Arena”.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati