Cremona: capo e colleghi gli ricomprano l’auto dopo essere stata distrutta da un incendio

Datore di lavoro, colleghi e le famiglie di Spino d'Adda hanno fatto una sorpresa al 27enne del Mali

Cremona: capo e colleghi gli ricomprano l’auto dopo essere stata distrutta da un incendio

Tra le fiamme, divampate a seguito dell’incidente aereo di San Donato Milanese avvenuto domenica 3 ottobre, è andata distrutta anche una vecchia Opel acquistata a dicembre, dopo quattro anni di risparmi, da Ibrahim Kamissoko, magazziniere di origini maliane. Perciò, il datore di lavoro e i suoi colleghi hanno deciso di unire le forze per comprargli una nuova vettura. Si tratta di una Renault Clio, completa di assicurazione e bollo.

Non mi sono mai sentito così emozionato in tutta la mia vita. I brutti pensieri sono volati via. Sono giorni che non riesco a smettere di sorridere. Chi ha mai visto un regalo così singolare? È gigante”, ha affermato il 27 enne.

Luca Bianco, titolare del Maglificio Ripa di Spino d’Adda (provincia di Cremona) che ad oggi conta 70 dipendenti e dove Kamissoko lavora, ha deciso di aiutarlo, comprandogli una Clio usata mentre i colleghi hanno pensato a bollo e assicurazione.

La vettura è stata consegnata al giovane maliano con una sorpresa organizzata proprio in magazzino, con la presenza di tutti i colleghi, del datore di lavoro e persino delle famiglie di Spino d’Adda che lo hanno aiutato da quando è arrivato in Italia nel 2014, dopo aver affrontato la traversata a bordo di un barcone.

Non abbiamo fatto nulla di speciale, è normale aiutare chi nella vita ne ha già passate tante. Sono stati i servizi sociali a proporci di impiegare Ibrahim e ora sono quattro anni che è con noi, assunto in maniera definitiva. È un bravo dipendente, sempre gentile e con il sorriso sulle labbra. L’azienda si è affezionata”, ha commentato Luca Bianco.

Rate this post

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati