Enjoy conquista anche Torino

Per i nuovi utenti 15 euro di noleggio gratuito fino al 30 aprile

Il capoluogo piemontese sarà la quarta città italiana ad offrire il servizio di car sharing di Eni. Le modalità di noleggio delle Fiat 500 saranno le stesse già previste nelle altre metropoli
Enjoy conquista anche Torino

Dopo Milano, Roma e Firenze, anche Torino si prepara ad accogliere le scattanti e fiammeggianti Fiat 500 targate Enjoy, il servizio di car sharing nato dalla partnership di Eni con Fiat e Trenitalia. Fino al 30 aprile, gli abitanti del capoluogo piemontese potranno richiedere l’iscrizione al servizio sfruttando la promozione “Welcome Torino”, che regalerà ai nuovi utenti 15 euro di noleggi gratuiti.

Le modalità di accesso e di utilizzo del servizio sono le stesse già previste per le altre città italiane. L’iscrizione on line è completamente gratuita, senza alcun costo di abbonamento o l’invio di documenti cartacei. Una volta registrato, l’utente potrà decidere come noleggiare l’auto: prenotandola sul sito enjoy.eni.com o tramite l’apposita app, scaricabile sul proprio smartphone, oppure semplicemente selezionando una vettura libera incontrata lungo la strada.

La flotta delle Fiat 500 avrà libero accesso e transito alle zone a traffico limitato di Torino – Centrale e Romana – mentre rimangono interdette le Ztl del trasporto pubblico, Valentino e ovviamente quelle pedonali.

La comodità del car sharing si traduce anche nella facilità e il costo zero a cui si possono parcheggiare le auto, visto che tutti gli spazi consentiti dal codice della strada – compresi quelli a pagamento – potranno ospitare le vetture a fine servizio o durante la sosta. All’interno di alcune stazioni di servizio di Eni, sono previsti inoltre dei parcheggi dedicati.

Inizialmente l’aerea torinese coperta dal servizio sarà di circa 45 kmq e il costo per il noleggio equivarrà a 25 centesimi al minuto con l’auto in movimento – per i primi 50 km, dopodiché scatta la tariffa di 25 centesimi al chilometro – e di 10 centesimi al minuto per l’auto lasciata in modalità sosta.

Leggi altri articoli in Notizie da Strade e Autostrade

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati