Ferrari: la storia scende in pista a Le Vigeant

Ferrari: la storia scende in pista a Le Vigeant

A due mesi dal primo appuntamento stagionale disputatosi a Monza, il Circuit du Val De Vienne è stato oggi teatro della seconda giornata di pista per i piloti iscritti alle serie europea dello Shell Ferrari Historic Challenge. La seconda tappa del campionato dedicato alle vetture d’epoca è ospitata all’interno di “Sport et Collection – 500 Ferrari contre le cancer”, evento nato nel 1995 con lo scopo di raccogliere fondi a favore della ricerca contro il cancro.

All’indomani di un doppio turno di prove libere, il programma odierno ha visto i conduttori impegnati in una seconda sessione dedicata a prendere confidenza con il tracciato francese, sconosciuto ai più. Le qualifiche del pomeriggio hanno poi decretato la griglia di partenza, in previsione della prima gara disputata a seguire.

Al termine di un’unica corsa che ha riunito vetture munite di freni a tamburo e vetture dotate di freni a disco, ad imporsi tra i protagonisti della Griglia “A” è stato Stefan Schollwoeck, al volante di una Maserati 4CM del 1932, seguito da Gigi Baulino a bordo di una Maserati 250 F (1954) e da Nicolas Zapata, su Ferrari 625 TR (1956). Tra i protagonisti della Griglia “B” la vittoria è andata alla Ferrari 512 BB LM classe 1980 di Mister John B, seguita dalla F40 LM (1992) di Christian Chavy, entrata di diritto nell’elenco dei modelli ammessi a partecipare agli eventi riservati alle auto storiche, e dalla Ferrari 308 GTB (1976) di Pierangelo Masselli.

La manifestazione si concluderà domani con il secondo turno di gare ed una nuova opportunità per ammirare in pista le tre monoposto storiche seguite dal dipartimento F1 Clienti di Maranello e la Ferrari 333 SP, formidabile vettura che nel 1993 segnò per Ferrari il ritorno alle corse “Sport Prototipi”.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati