Fiat 500 protagonista del nuovo ADI Design Museum

Il Cinquino nel polo museale dedicato al premio Compasso d'Oro

Fiat 500 protagonista del nuovo ADI Design Museum

Nel nuovo ADI Design Museum, lo spazio museale nel cuore di Milano dedicato allo storico premio di design “Compasso d’Oro” che apre oggi al pubblico, un ruolo da protagoniste ce l’ha la leggendaria Fiat 500, premiata nel 1959 e nel 2011.

Ubicato in Piazza Compasso d’Oro 1, il museo dedicato al più antico e autorevole riconoscimento mondiale di design, istituito nel 1954 e assegnato dal 1958 dall’Associazione per il Disegno Industriale (ADI), ospita al suo interno una selezione di oggetti provenienti dalla prestigiosa Collezione “Compasso d’Oro”, con oltre 2.300 prodotti e progetti, che sarà affiancata da mostre temporanee e iniziative di approfondimento. 

Fiat 500, emblema del made in Italy nel mondo

Tra le opere d’arte della creatività italiana c’è anche l’iconica Fiat 500, vero fenomeno di costume e ambasciatrice del made in Italy nel mondo, come testimonia anche l’ingresso nel 2017 di un esemplare della prima generazione nella collezione permanente del Museum of Modern Art (MoMA) di New York. Un mito che si è evoluto con la seconda generazione, fino poi ad arrivare ai giorni nostri con la terza generazione che ha porta la 500 nell’era della mobilità elettrica. 

Le prime due generazioni della 500 e la Fiat Abarth 1000 Bialbero

Nel nuovo ADI Design Museum sono esposti due esemplari della Fiat 500, uno del 1957 e l’altro del 2007, in rappresentanza delle prime due generazioni del mitico Cinquino, entrambe premiate con il Compasso d’Oro”, per la precisione nel 1959 e nel 2011. In mostra, insieme alle due generazioni dell’iconica utilitaria Fiat, anche un’altra vettura storica di pregio: la Fiat Abarth 1000 Bialbero, che nel 1960 ricevette il Compasso d’Oro per essere stata apprezzata dalla giuria del premio come “una rinnovata eminente affermazione del design italiano nel campo dell’automobile”.

Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati