Furto del navigatore dell’auto: fenomeno sempre più diffuso in Italia

Vengono rigenerati e poi rivenduti sul mercato nero

Furti navigatore auto - In Italia sono in aumento i casi di furto del navigatore dell'auto con lo sfortunato automobilista che trova il vetro rotto e il cruscotto divelto senza più l'intero blocco del sistema di navigazione, monitor compreso. I navigatori rubati vengo rigenerati e rivenduti in prevalenza sul mercato nero dell'Est.
Furto del navigatore dell’auto: fenomeno sempre più diffuso in Italia

Vetri dei finestrini in frantumi e fili pendenti dal box dell’autoradio è la brutta sorpresa che sempre più automobilisti si trovano di fronte. Come dimostrano i dati degli ultimi mesi, con segnalazioni in aumento, l’obiettivo dei ladri, organizzati in bande che entrano in azione sulle auto parcheggiate, è rubare il navigatore.

Le vetture più ambite sono quelle dei marchi tedeschi, dunque BMW, Audi e Mercedes. I ladri rompono il vetro e in pochi minuti agiscono staccando, display compreso, l’intero sistema di navigazione dal cruscotto, provocando così un danno che per l’automobilista può arrivare fino a 7.000 euro.

Quello dei furti dei navigatori delle auto è un fenomeno in aumento in Italia, come sottolineato anche dalla forze dell’ordine. Una volta staccato e portato via il navigatore rubato viene rigenerato e rivenduto, prevalentemente sul mercato nero dell’Est Europa. Inoltre dai navigatori rubati i ladri estrarrebbero anche un chip usato nell’attività di clonazione delle carte di credito.

Rate this post

rand:0
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati