Futuro Mazda: elettrificazione, biocombustibili ed e-fuels

Obiettivo zero emissioni entro il 2050. Entro il 2025 in arrivo 5 modelli mild hybrid, 5 plug-in e 3 puramente elettrici

Futuro Mazda: elettrificazione, biocombustibili ed e-fuels

Si è appena conclusa l’interessante tavola rotonda, organizzata da Mazda Italia, dal titolo “La strada per la mobilità del futuro”. Obiettivo principale della casa giapponese è raggiungere la carbon neutrality (zero emissioni di anidride carbonica) entro il 2050, puntando su elettrificazione e utilizzo di biocarburanti ed e-fuels.

Mazda, un futuro 100% elettrico?

Il futuro di Mazda sarà quindi totalmente elettrico? Wojciech Halarewicz, VP Sales & Customer Service Mazda Europe ha dichiarato: “Siamo convinti che l’elettricità è sicuramente la strada giusta, ma solo se questa proviene da fonti rinnovabili. Per questo, ci stiamo impegnando per diventare carbon neutral entro il 2050, anche se già entro il 2030 il 25% dei nostri veicoli sarà totalmente elettrico. In ogni caso, ogni auto della gamma sarà elettrificata. Per quanto riguarda i prossimi 4-5 anni, ci saranno importanti novità basate su SkyActiv Multi Solution Scalable Architecture: avremo 5 vetture mild hybrid e full hybrid, 5 plug-in hybrid e 3 elettriche pure. Inoltre, arriverà una novità ibrida equipaggiata con motore rotativo Wankel

Il percorso non sarà comunque facile: nonostante la crescita esponenziale nel nostro Paese a livello di vendite di auto elettriche (+ 200% nel 2020 e addirittura + 500% nel 2021), è fondamentale l’aspetto culturale legato ai veicoli a zero emissioni. Una vera e propria barriera fatta di differenza, autonomia, vincoli legati alla ricarica e installazione dei wallbox. Per ovviare a ciò, Mazda sta lavorando con un’operazione denominata “Consapevolezza” (iniziata con il lancio della MX30) pensata per avvicinare gradualmente al “mondo EV” sia i clienti attuali che potenziali.

mazda efuel alliance

Parola d’ordine: sostenibilità ambientale – e-fuels ricavati da alghe marine

Halarewicz ha, poi, aggiunto: “Pensate che in Italia, sui circa 50 milioni di veicoli circolanti, ben 40 milioni sono a combustione e l’età media vicina ai 10 anni. Come possiamo fare per ridurre le emissioni? Il motore a combustione non va demonizzato, dipende dal combustibile utilizzato: per questo in Mazda puntiamo molto su biocombustibili ed e-fuels, i primi una tecnologia già consolidata, i secondi ancora più promettenti ma da sviluppare al meglio. In merito, siamo stati i primi ad entrare nella eFuel Alliance. Ciò per il semplice fatto che la transizione non sarà immediata, ma i clienti continueranno ad acquistare vetture ibride che necessitano rifornimento di tipo tradizionale. Parlando proprio di e-fuels, stiamo lavorando su alcuni carburanti innovativi e rinnovabili ricavati da alghe marine“.

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati