General Motors rinuncia alla vendita di Opel

General Motors rinuncia alla vendita di Opel

Dopo mesi di trattative con Magna e il suo partner russo Sberbank, General Motors ha annunciato l’intenzione di rinunciare alla vendita di Opel. Il nuovo consiglio di amministrazione ha deciso di mantenere il marchio tedesco a fronte dell’attuale recupero finanziario e della congiuntura economica ora piu’ favorevole in Europa. La notizia arriva ad una settimana dall’apertura di un’inchiesta da parte dell’Unione Europea per valutare se la vendita a Magna era frutto di necessità economiche oppure di pressioni politiche da parte della Germania.

Fritz Handerson, CEO di GM, ha dichiarato in un comunicato che il processo di vendita è stato difficile per tutte le parti ma che l’obiettivo del gruppo americano era “assicurare la migliore soluzione a lungo termine per clienti, addetti, fornitori e venditori, e si è quindi arrivati alla decisione di oggi che assicurerà l’approccio piu’ stabile e mono costoso per il futuro a lungo termine dei brand Opel e Vauxhall”.

Nei prossimi mesi sarà attuato il piano di ristrutturazione di Opel che vedrà la perdita di 10.000 posti di lavoro e la riduzione del 30% dei costi in Europa. A GM il piano costerà circa 4,4 miliardi di dollari, una parte sarà coperta dal contributo di 50 miliardi di dollari ricevuto dal governo USA.

Altri aiuti potrebbero arrivare dalla Germania o dalla Gran Bretagna.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati