Genova, crollo ponte Morandi: il Governo contro la società Autostrade

Il premier Conte: "Via la concessione, tragedia inaccettabile"

Dopo il crollo del ponte Morandi a Genova, con 39 morti accertati, il Governo ha attaccato Autostrade per l'Italia annunciando la "revoca della concessione". La risposta della società: "Ricostruiremo il ponte in 5 mesi".
Genova, crollo ponte Morandi: il Governo contro la società Autostrade

Mentre i soccorritori proseguono a scavare sotto le macerie, con il drammatico bilancio delle vittime a quota 39, numerosi dispersi ed oltre 600 sfollati nelle case nei dintorni del ponte Morandi, è iniziata la ‘caccia’ ai colpevoli del disastro di Genova. Il Governo attacca la società Autostrade, annunciando la revoca della concessione, nelle parole del premier e dei vicepremier.

Ponte Genova, Conte: “Via la concessione ad Autostrade

E’ stato Giuseppe Conte, subito dopo il Consiglio dei Ministri straordinario in Prefettura a Genova, ad annunciare il provvedimento: “Avvieremo la procedura per la revoca della concessione a società Autostrade – le parole del premier – Abbiamo decretato lo stato d’emergenza per 12 mesi e disposto un primo stanziamento di 5 milioni a valere su fondo per emergenze nazionali. Tragedie come questa sono inaccettabili in una società moderna e non devono accadere. Non c’è dubbio che ad Autostrade toccassero onere e vincolo di manutenzione del viadotto”.

Nelle ore precedenti, anche il vicepremier Luigi Di Maio (“Per la prima volta c’è un governo che non ha preso soldi da Benetton, e siamo qui a dirvi che revochiamo i contratti e ci saranno multe per 150 milioni di euro”) ed il ministro dei trasporti Danilo Toninelli (“Abbiamo attivato tutte le procedure per l’eventuale revoca delle concessioni, e per comminare multe fino a 150 milioni di euro”) avevano tuonato contro la società Autostrade.

Autostrade: “Oltre un miliardo l’anno per la sicurezza”

Quest’ultima ha replicato con alcuni comunicati apparsi sul proprio sito ufficiale: “L’infrastruttura era monitorata dalle strutture tecniche della Direzione di Tronco di Genova con cadenza trimestrale secondo le prescrizioni di legge e con verifiche aggiuntive realizzate mediante apparecchiature altamente specialistiche – viene scritto – Gli esiti delle attività di monitoraggio e delle attività di verifica svolte dagli autorevoli soggetti esterni hanno sempre fornito alle strutture tecniche della società adeguate rassicurazioni sullo stato dell’infrastruttura”.

Si parla anche di soldi e di investimenti: “Negli ultimi cinque anni (2012-2017) gli investimenti della società in sicurezza, manutenzione e potenziamento della rete sono stati superiori a 1 miliardo di euro l’anno. Autostrade per l’Italia si dichiara fiduciosa di poter dimostrare di aver sempre correttamente adempiuto ai propri obblighi di concessionario”.

Il futuro del ponte Morandi a Genova

Come dicevamo già ieri, il ponte sarà interamente demolito e successivamente ricostruito. Ed Autostrade per l’Italia annuncia che “sta lavorando alacremente alla definizione del progetto di ricostruzione del viadotto, che completerebbe in cinque mesi dalla piena disponibilità delle aree”.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati