Hyvia: svelati i primi prototipi ad idrogeno [FOTO]

Il furgone Master Van H2-Tech e la stazione di ricarica

Hyvia ha svelato i suoi primi prototipi ad idrogeno. Si tratta del furgone Renault Master Van H2-Tech, con un volume di carico di 12 metri cubi ed un’autonomia fino a 500 chilometri e della stazione di ricarica, per poter effettuare il rifornimento in cinque minuti. Annunciando già l’arrivo di altri due modelli prossimamente.

Renault Master Van H2-Tech

Entrando più nel dettaglio, il grande furgone dedicato al trasporto di merci e pacchi è dotato di cella a combustibile da 30 kW, batteria da 33 kWh e quattro serbatoi da 1,5 chilogrammi di idrogeno, per una capacità totale di 6 kg. Il tutto permette un’autonomia, come dicevamo, di circa 500 chilometri con un pieno di idrogeno.

Quello presentato oggi è un prototipo, ma la versione definitiva arriverà a breve, per un modello disponibile nel corso del 2022. Il furgone sarà prodotto in Francia, nello stabilimento di Batilly, mentre il motore elettrico viene prodotto a Cleon.

Il prototipo della stazione di ricarica

Presentata anche la stazione di ricarica Hyvia, che permette il rifornimento completo in cinque minuti. L’idrogeno sarà ottenuto sul posto per elettrolisi dell’acqua oppure alimentato da rimorchio ed il sistema comprime l’idrogeno per lo stoccaggio, prima di rifornire il veicolo.

Questa stazioni di ricarica saranno disponibili per la vendita o a noleggio e verranno assemblate nello stabilimento di Flins, in Francia, entro la fine di quest’anno.

I prossimi modelli

Hyvia ha annunciato anche l’arrivo di due nuovi prototipi nel prossimo futuro. Il Master Telaio Cabinato H2-Tech, un furgone con capienza fino a 19 metri cubi, ed il Master Citybus H2-Tech, un minibus urbano in grado di trasportare fino a 15 passeggeri con un’autonomia di circa 300 chilometri.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati