Infiniti: addio al progetto della sportiva ispirata alla F1, focus su crossover e SUV

Così la Q60 Project Black S finisce nel cassetto

Infiniti: addio al progetto della sportiva ispirata alla F1, focus su crossover e SUV

Quando qualche anno fa venne presentato il concept Infiniti Q60 Project Black S questo aveva ricevuto una discreta attenzione dal mondo automobilistico. Dopo il debutto del primo concept al Salone di Ginevra 2017, successivamente sono arrivate due versioni prototipali aggiornate. Tuttavia dal 2019, quando i dirigenti di Infiniti affermavano ancora di star riflettendo sull’opportunità di produrla, si sono perse le tracce della sportiva stradale ispirata alla Formula 1.

Project Black S cancellato

Ora, secondo quanto appreso da Automotive News, Infiniti ha ufficialmente cancellato il progetto, riponendo il concept Q60 Project Black S nel cassetto insieme a sogni degli appassionati che avrebbero voluto vedere concretizzarsi in un modello di serie la cattiveria e le performance promesse dal prototipo del marchio giapponese. 

Sportiva ibrida da 571 CV

La Q60 Project Black S è il risultato delle collaborazione tecnica tra Infiniti e il team di F1 Renault Sport. Dotata di motore V6 turbo 3.0 e da un unità elettrica, a comporre il powertrain Dual Hybrid Electric, per una potenza complessiva di 571 CV, il concept è in grado di raggiungere i 245 km/h di velocità massima e di accelerare da 0 a 96 km/h in meno di 4 secondi. Dal debutto di quel concept però molte cose sono cambiate: Infiniti ha abbandonato ogni legame con la Formula 1 e il team Renault Sport di F1 è diventato Alpine. 

Infiniti punta tutto su crossover e SUV

Infiniti, nell’ottica di una strategia di razionalizzazione delle forze, non riserverà risorse su un’auto ad alte prestazioni, che sarebbe un modello di nicchia e come tale non nelle priorità del brand. Infiniti focalizzerà invece il suo impegno a favore di crossover e SUV che siano in grado di assicurare volumi di vendita importanti, e potrebbe pensare anche di abbandonare il segmento delle coupé e delle berline a trazione posteriore, riducendo dunque la propria gamma solo a modelli a guida alta economicamente sostenibili. 

Leggi altri articoli in Anticipazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati