Jeep Cherokee 2.2 Multijet II: viaggiare in modo fluido tra le vette valdostane [PRIMO CONTATTO]

Un spinta morbida e progressiva

Provato il nuovo motore 2.2 Multijet II che equipaggia il Jeep Cherokee. Un propulsore dal carattere equilibrato e consumi nel complesso contenuti

Jeep Cherokee 2.2 Multijet II – È su una sommità che compare quasi all’improvviso, un po’ nascosto, mentre attorno si distendono le vette valdostane. Forte di Bard, struttura dalla storia lunga e suggestiva, è un luogo per animi temerari da cui avventurarsi alla ricerca di nuove mete da esplorare. Da qui parte il test a bordo del Jeep Cherokee, dotato del nuovo motore 2.2 Multijet II da 200 cavalli (149 kW) Euro 6. Da qui se ne colgono le sensazioni.

L’aspetto esterno della vettura è quello noto. Linee robuste con dettagli sportivi e ricercati dalle forme filanti. Il frontale muscoloso è reso peculiare dalla griglia presente sotto il marchio, il cofano scolpito e dai gruppi ottici sottili e taglienti che ne esaltano le proporzioni. Uno stile che si allontana un po’ da quello classico della casa. Caratteristici anche i passaruota ampi e dalla forma trapezoidale, sviluppati per un veicolo votato ad affrontare più tipologie di percorso, così come massicci e compatti appaiono i fianchi su cui compare anche il nome del veicolo. Il tetto dall’andamento lineare è arricchito da barre. La zona posteriore, poi, è caratterizzata da un design sportivo e sviluppato in altezza, che include fari dalla forma sottile rispetto alla voluminosità percepita osservando portellone e paraurti.

Jeep-Cherokee-2.2-Multijet-II-primo-contatto_20_01

Gli interni appaiono gradevoli, grazie a rivestimenti rifiniti e buoni materiali. Il volante consente una buona impugnatura e la strumentazione è leggibile, come è altrettanto prezioso il sistema infotainment Uconnect™ collocato al centro della plancia, caratterizzato da un ampio schermo di 8,4 pollici. All’ampia abitabilità, valorizzata dai tanti scompartimenti e da un bagagliaio di notevoli dimensioni in grado di garantire una capacità che varia dai 412 lai 1.267 litri, corrisponde un comfort altrettanto evidente, anche per l’insonorizzazione curata che attenuta notevolmente il suono del motore. Il comportamento su strada non appare mai incerto, anche se l’altezza da terra, che in base alle versione può variare da poco più di 142 millimetri a 221 mm per la 4×4 Lock, così come le dimensioni generose (lunghezza poco più di 4,5 metri e larghezza poco meno di 2 metri) non sembrano proprio adatte per una guida troppo grintosa.

Jeep-Cherokee-2.2-Multijet-II-primo-contatto_52_01

La novità è costituita dall’introduzione del nuovo motore 2.2 litri Multijet II da 200 cavalli e 440 Nm di coppia massima, assemblato nello stabilimento campano di Pratola Serra. Motore disponibile anche in versione da 185 cavalli (138 kW). Tale propulsore, che ha preso il posto del precedente 2.0 litri da 170 cavalli (127 kW), offre una progressione morbida e fluida, che consente una guida regolare e poco stressante. Secondo la casa, questa unità nel confronto con la precedente ha permesso un miglioramento della coppia pari al 25%, così come aumentate del 17% appaiono l’accelerazione e la potenza. In base alla versione lo spunto in velocità può variare, superando comunque di poco i 200 km/h. Un motore poco aggressivo, che risponde in modo adeguato alle sollecitazioni, senza strappi. La trasmissione automatica a nove rapporti agisce silenziosa e rapida, tanto che il cambio marcia appare quasi impercettibile nei primi passaggi. I consumi, poi, sono nel complesso contenuti. Durante la prova su un percorso misto, che ha previsto anche un tratto autostradale, abbiamo notato una media di 10.0 litri per 100 km, considerando un peso di quasi due tonnellate. Le emissioni di anidride carbonica, secondo i dati diramati, sarebbero diminuite del 3% e il valore si aggirerebbe sui 150 g/km.
Parlando di prezzi, il Cherokee dotato del nuovo propulsore da 200 cavalli è proposto in versione Limited e nella inedita Limited+ a cifre che partono in listino da 50.500 euro e 54.000 euro rispettivamente. Invece la variante da 185 cavalli, che equipaggia solo il Cherokee Longitude, da 45.900 euro.

Jeep-Cherokee-2.2-Multijet-II-primo-contatto_59_01

In sintesi, il nuovo cuore del Jeep Cherokee garantisce una buona progressione ed elasticità, consentendo di viaggiare a ritmi cadenzati e costanti. Si dimostra poco adatto per una guida eccessivamente briosa, anche se le caratteristiche de mezzo consentono di poter affrontare diversi tipi di percorso in scioltezza. Buona l’abitabilità e il confort interno, come altrettanto apprezzabile è l’insonorizzazione. Nella media i consumi.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati