La Lotus Exige potrebbe diventare un’auto da rally al Salone di Francoforte 2011

La Lotus Exige potrebbe diventare un’auto da rally al Salone di Francoforte 2011

Notizia improvvisa: secondo Car Magazine la Lotus starebbe progettando un’evoluzione della sua Exige, trasformandola in una vera e propria auto da rally e presentandola al Salone di Francoforte del prossimo settembre. La vettura sarà rimodernata e riadattata per le corse, anche se veramente poche persone avrebbero immaginato un esordio della Exige nel mondo dei rally. Di sicuro ad una prima occhiata non sembra l’auto più adatta per questo genere di competizioni, ma a quanto pare in Inghilterra la pensano diversamente. C’è da dire, però, che non sarebbe la prima volta che un’auto di questo tipo arrivi nella forma rally, ma finora erano solo stati progetti dei laboratori di tuning, mentre stavolta si tratta di uno sviluppo ufficiale.

Secondo Claudio Berro, direttore della sezione sport della compagnia, Lotus potrebbe effettivamente costruire più dei 300 esemplari che sarebbero necessari per ottenere l’omologazione da parte della FIA. Sarà mantenuta la trazione posteriore, ma non è ancora chiaro se il veicolo correrà nel campionato WRC oppure in quello IRC. Considerando il recente coinvolgimento della casa britannica nel campo delle corse, comunque, probabilmente sarebbe stata solo questione di tempo prima di veder nascere questo tipo di auto. Del resto Lotus ha collaborato con Renault per la realizzazione dell’auto che è arrivata settima l’anno scorso a Le Mans ed è praticamente ufficiale l’esordio della casa in LMP2. Quest’ultima auto in particolare dovrebbe montare il motore V8 che sarà poi montato sulla prossima versione della Esprit e il suo esordio è previsto per la stagione 2012 o 2013 al massimo.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Auto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati