Lamborghini Huracán STO scende in pista ad Hockenheim [VIDEO]

La Huracán Evo è stata solo 0,4 secondi più lenta

Lamborghini Huracán STO scende in pista ad Hockenheim [VIDEO]

Sono passati pochi mesi da quando Lamborghini ha portato sul circuito del Nurburgring la sua Lamborghini Huracán STO per fissare un nuovo record sul giro per l’auto di produzione. Da allora, però, non si è saputo più nulla. Per fortuna, però, gli esperti di Sport Auto hanno recentemente avuto la possibilità di testare l’Huracán ad alte prestazioni sul tracciato di Hockenheim.

Molti di voi sicuramente sanno che la casa automobilistica bolognese ha realizzato la Huracán STO per essere la versione più potente e incentrata sulla pista della supercar a motore centrale. Durante il test condotto dagli esperti, ha stabilito un miglior tempo di 1:48.6.

La più veloce testata da Sport Auto ad Hockenheim è stata la McLaren Sienna

L’auto più veloce testata da Sport Auto a Hockenheim è stata la McLaren Senna con un miglior tempo fissato a 1:40.8 mentre la seconda più veloce è stata la Mercedes-AMG GT Black Series con 1:43.3. Al terzo posto troviamo la Porsche 911 GT2 RS MR che è stata 0,2 secondi più lenta della Black Series.

Da notare, però, che la Lamborghini Huracán STO si è posizionata dopo vetture come la McLaren 720S (1:45.5) e la Mercedes-AMG GT R (1:48.5). Se ciò non bastasse, è stata solo 0,4 secondi più veloce della Huracán Evo.

Gli esperti di Sport Auto fanno notare che la STO è stata testata in condizioni più fredde rispetto ad alcuni dei suoi rivali e con gli pneumatici Bridgestone Potenza Race che potrebbero fornire un livello di aderenza diverso rispetto ad altre gomme da pista come quelle proposte da Pirelli e Michelin.

Ad ogni modo, è possibile scoprire maggiori informazioni sulla prova cliccando sul tasto Play dell’anteprima del video presente ad inizio articolo.

 

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati