Mercato Auto Italia: ad Ottobre un nuovo calo

Una riduzione del 5.58%

Mercato automobilistico italiano - Ancora brutte notizie per il mercato automobilistico italiano. Infatti, nel mese di ottobre 2013, le immatricolazioni di nuove autovetture sono state 110.841, ben il 5.58% in meno rispetto allo stesso mese nel 2012
Mercato Auto Italia: ad Ottobre un nuovo calo

Ancora brutte notizie per il mercato automobilistico italiano. Infatti, secondo quanto dichiarato da Federauto, le immatricolazioni nel mese di ottobre hanno subito una riduzione del 5.58% rispetto allo stesso mese del 2012. In particolare, sono state vendute 110.841 autovetture (7.000 in meno rispetto ad ottobre 2012) il che porta ad un totale di 1.111.520 auto immatricolate in Italia dall’inizio dell’anno.

Di conseguenza, negative sono state le performance anche per le singole case automobilistiche. Per esempio, il Gruppo Fiat ha perso poco più dell’8.5%, Volkswagen 8% mentre il Gruppo Psa ha registrato una perdita addirittura del 20%. Buone notizie, invece, per Toyota che ha registrato un aumento delle vendite del 12% rispetto ad ottobre 2012 e per Renault che guadagna un +31%, grazie soprattutto ai risultati della nuova Clio.

Al riguardo, Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto, ha dichiarato: ‘Il 2013 chiuderà presumibilmente attorno a 1.280.000 pezzi, registrando un calo dell’8% rispetto al 2012. Questo dato però non rende giustizia alla realtà delle cose. Il mercato italiano, infatti, dovrebbe esprimere almeno 2.000.000. Mancano quindi all’appello 720.000 immatricolazioni. In altri termini stiamo performando il 35% in meno rispetto a quanto la filiera, che da lavoro a 1.200.000 persone, necessita per sopravvivere. Il paradosso è che lo Stato sta perdendo 3 miliardi tra Iva ed altre imposte.’

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Mercato

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati