Nissan: confermata la produzione di Qashqai e X-Trail nel Regno Unito

L'impianto di Sunderland continuerà lo svolgimento delle proprie attività

Nissan - L'impianto di Sunderland continuerà la produzione compresa la nuova generazione Qashqai e la X-Trail.
Nissan: confermata la produzione di Qashqai e X-Trail nel Regno Unito

Dopo alcune preoccupazioni riguardo Brexit, che ha messo qualche dubbio circa il normale svolgimento della produzione della Nissan nel Regno Unito, a scacciare tali ipotesi con tanto di rassicurazioni è stato il Presidente e CEO dell’Alleanza Renault-Nissan, Carlos Ghosn, che a seguito dell’impegno del Governo, utile a mantenere operativo l’impianto di Sunderland, ha confermato che la struttura ospiterà la produzione della nuova generazione Qashqai e dell’imminente X-Trail.

“Sono lieto di annunciare che Nissan continuerà a investire in Sunderland” – ha detto il CEO –I nostri dipendenti continueranno a fare dell’impianto una centrale elettrica competitiva a livello globale, la produzione di alta qualità e prodotti di alto valore ogni giorno. Il sostegno e le assicurazioni del governo del Regno Unito ci hanno permesso di decidere che la prossima generazione di Qashqai e X-Trail saranno prodotte in Sunderland. Accolgo con favore l’impegno del primo ministro britannico Theresa May per l’industria automobilistica in Gran Bretagna e allo sviluppo di una strategia industriale globale.”

Inaugurata nel 1986, la fabbrica Nissan di Sunderland ha prodotto quasi 9 milioni di auto fino ad oggi, tra cui più di 2 milioni di Qashqai, con la produzione di circa 500.000 auto all’anno. La struttura, che è la più grande collocata nel Regno Unito riguardo la produzione di auto, ha all’attivo circa 7.000 dipendenti. Finora sono stati investiti oltre 3,7 miliardi di sterline.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Anticipazioni

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati