Nuova Skoda Octavia: un nuovo sguardo alla guida pratica [VIDEO TEST DRIVE]

Testate le versioni 1.4 G-TEC e Combi 2.0 TDI 4x4

Nuova Skoda Octavia – Sulle strade portoghesi, tra Porto e la località di Ílhavo, proviamo le qualità stradali della nuova berlina boema di segmento C
Nuova Skoda Octavia: un nuovo sguardo alla guida pratica [VIDEO TEST DRIVE]

Idee congeniali unite a un’estetica ridefinita, più tagliente e subito identificabile. La nuova Skoda Octavia è il risultato amplificato di quelle qualità care alla casa boema, portate a un livello più tecnologico.

Durante il nostro test in Portogallo, abbiamo colto i vari aspetti di due versioni della berlina di segmento C, sviluppata sullo stesso pianale della Golf. Tra gli aspetti anche una spiccata efficienza da parte delle due unità, tra le diverse proposte, all’interno di una panoramica che comprende un allestimento iniziale denominato Active, per poi salire con le varie Ambition, Executive e Style, e iniziando da un nuovo e più compatto 1.0 TSI da 115 cavalli, un’unità inedita per questa tipologia di vettura. A seguire un 1.4 G-TEC benzina/metano restando su un versante; mentre tra i Diesel sono disponibili un 1.6 TDI nelle varianti da 90 cavalli e 230 Nm di coppia o, in alternativa, 115 cavalli e 250 Nm di coppia; quindi un più corposo e prestante 2.0 TDI da 150 cavalli. Attesa in concessionaria da marzo, i prezzi scattano da 20.100,00 Euro nel caso di una berlina o da 21.150,00 Euro per il modello Combi.

Dinamismo ed efficienza vanno di pari passo, considerando quanto notato su un tragitto tra Porto e Ílhavo, nel distretto di Aveiro.
Il 1.4 G-TEC da 110 cavalli e 200 Nm di coppia della berlina provata, è apparso più dolce nell’erogazione rispetto al Diesel provato su una versioni compi successivamente. La casa indica 11,1 secondi per completare lo scatto e 193 km/h di velocità massima. Ma oltre alla fluidità di ritmo e a un comportamento stradale più morbido rispetto alla più pesante Combi, dotata anche di trazione 4×4. Il consumo medio, riportato alla fine del primo tragitto, è risultato di 3.6 kg/100 Km. Un risultato buono a fronte del valore sul ciclo combinato indicato dalla casa da 5,6 m³/100 km ed emissioni sull’ordine dei 99 g/km. Più grintoso il 2.0 litri TDI da 150 cavalli, associato a una trasmissione automatica doppia frizione DSG sette rapporti e alla già citata trazione integrale. Che anche grazie a una coppia più robusta da 340 Nm e a un sistema Dynamic Chassis Control, associabile solo a questo tipo di propulsione, ha dimostrato anche un ottimo temperamento durante un percorso accidentato e ricco di pozze d’acqua. Uno scatto racchiuso in 8,4 secondi e un picco di velocità pari a 210 km/h, offrono un’idea di un maggior dinamismo a fronte comunque di un dato di 8.1 kg/100 Km, riferito alla media dei consumi su un percorso di 60 km, a cui si sommano anche vari fattori. Considerando anche i 4.9 litri/100 km dichiarati ed emissioni da 129 g/km, fatti presente dal costruttore.

Estetica rinnovata, dimensioni più generose e dotazione più tecnologica sono poi altri fattori che completano la ridefinizione di una vettura votata alla razionalità.

Foto: Skoda

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Auto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati