Porsche Macan: primo contatto

Provato su strada e sterrato il nuovo SUV compatto sportivo

La Macan segna l’ingresso di Porsche nel segmento dei SUV compatti. Caratterizzata da un design marcatamente sportivo, la Macan già ad una prima occhiata fugace mostra tutto il suo DNA Porsche. Concepita dalla casa tedesca per ampliare l’offerta della sua gamma SUV, già molto apprezzata dai clienti come testimonia il successo della Cayenne, la Macan si getta all’attacco dell’agguerrita concorrenza del suo segmento proponendosi come la scelta ideale di chi cerca una vettura più sportiva di una BMW X3, più lussuosa di un’Audi Q5 (da cui peraltro deriva) e più innovativa rispetto alla Range Rover Evoque.

La nuova Porsche Macan può contare sulla gamma motori più potente della categoria: tutte le unità sono Euro 6, abbinate al cambio a doppia frizione PDK a sette rapporti, al sistema di trazione integrale Porsche Traction Management (PTM) e a pneumatici misti, di serie. Per la Macan, Porsche ha previsto tre varianti di telaio sportivo, incluso un sistema di sospensioni ad aria. Al vertice della gamma Macan c’è ovviamente la Porsche Macan Turbo spinta dal motore biturbo V6 da 3,6 litri e 400 cv. Le altre varianti disponibili sono la Macan S con motore biturbo V6 da 3 litri e 340 CV e la Macan S Diesel: spinta da un turbodiesel in grado di erogare ben 580 Nm di coppia, sarà probabilmente la più apprezzata della gamma sul mercato italiano.

porsche-macan-prova-2014-posteriore

Il design della Porsche Macan sfoggia numerosi riferimenti alla 911 e alla nuova 918 Spyder. L’assetto piuttosto basso, il cofano avvolgente e ampio, il tetto spiovente tipico delle coupè, il disegno dei finestrini laterali richiamano alle vetture più sportive del marchio. I gruppi ottici anteriori si ispirano a quelli della 918 Spyder e anche la gommatura mista, con gomme da fino a 265 millimetri di larghezza davanti e 295 millimetri al posteriore – unite ai cerchi in lega fino a 21 pollici – , aumentano la percezione di trovarsi di fronte ad una vettura sportiva piuttosto che un SUV in senso stretto.

La forte caratterizzazione sportiva si ritrova anche negli interni, anch’essi ispirati dal modello attualmente al top della gamma Porsche, la 918. La posizione del sedile è infatti sorprendentemente bassa, abbinata alla colonna dello sterzo più inclinata. Il risultato è una seduta sportiva che, abbinata ad un cockpit con tre quadranti e contagiri centrale, e al volante multifunzione a tre razze, contribuiscono a differenziare nettamente la Macan dalle sue concorrenti, ponendola quasi in un segmento a sè.

porsche-macan-interni-prova-2014

Nel cockpit, lo strumento rotondo sulla destra contiene un display VGA multifunzione ad alta risoluzione da 4,8 pollici che oltre alle principali funzioni del computer di bordo, visualizza anche le mappe del Porsche Communication Management (PCM), il sistema di infotainment più avanzato di casa Porsche. Ovviamente, come su tutte le Porsche, il blocchetto di accensione è posizionato alla sinistra del volante. I sedili posteriori offrono spazio sufficiente ad accogliere tre passeggeri. La Macan mostra la sua versatilità con un bagagliaio da 500 litri, che diventano 1500 litri con i sedili posteriori completamente abbattuti a creare un piano di carico completamente piatto. Gli schienali dei sedili posteriori possono inoltre essere ribaltati separatamente con un rapporto di 40:20:40. Per caricare comodamente il vano bagagli, la Macan con le sospensioni ad aria può essere impostata su un apposito livello di carico, che, per la prima volta su una Porsche, scende, in coda, fino a 50 millimetri sotto il livello normale. L’attivazione avviene per mezzo di un tasto nel bagagliaio.

porsche-macan-prova-su-strada-1

Abbiamo testato la Macan in un percorso misto tra Treviso e il Cansiglio che prevedeva città, tornanti, sterrato, stradine di campagna e autostrada, saggiando tutte le doti dei tre modelli della gamma. Ci siamo messi subito al volante della Macan Turbo, la più potente tra le tre varianti. Il suo poderoso V6 turbo da 3,6 litri è in grado di spingerla da 0 a 100 Km/in in 4,6 secondi, che diventano 4,4 secondi con il pacchetto opzionale Sport Chrono, mentre la velocità massima è di 266 Km/h. La Macan Turbo risulta sicuramente molto emozionante al volante: il sound degli scarichi, soprattutto in modalità Sport Plus, risulta sempre corposo e in rilascio regala scoppiettii e borbottii in abbondanza.
Sempre pronta nella guida più spinta, la Macan Turbo è agile e a suo agio anche tra i tornanti stretti: attaccando una difficile curva a destra dopo una violenta staccata la vettura ha ripreso facilmente la linea, stabilizzata immediatamente grazie all’intervento del sistema Porsche Torque Vectoring Plus (PTV Plus) che ha spostato la ripartizione della coppia sulla ruota esterna, garantendo una sterzata diretta e dinamica all’ingresso nella curva. Dal punto di vista dinamico la Macan ha mostrato un’agilità raramente riscontrabile su vetture di queste dimensioni e a tratti, nel misto, ricorda più la Cayman che la Cayenne. Sul breve sterrato percorso la Macan Turbo si è comportata egregiamente, superando senza alcuna difficoltà i tratti in salita e in discesa su fondo irregolare. La modalità offroad, disponibile di serie, può essere attivata premendo un tasto nel tunnel centrale tra 0 e 80 km/h. In questo modo il numero di giri e le velocità di cambiata del PDK vengono impostati per offrire una trazione più alta, la ripartizione di coppia viene suddivisa tra asse anteriore e posteriore e la linea caratteristica del pedale dell’acceleratore viene adeguata alle caratteristiche del terreno. Inoltre, utilizzando il sistema di sospensioni ad aria opzionale, la distanza dal suolo aumenta di 40 millimetri rispetto al livello normale.

porsche-macan-prova-su-strada-2

Abbiamo quindi testato le altre due varianti: la Macan S e la S Diesel. La Macan S monta il biturbo Porsche da 3.0 litri benzina in grado di erogare 340 cv e 460 Nm di coppia massima. Anche il modello base della gamma Macan offre prestazioni di tutto rispetto: per scattare da 0 a 100 Km/h impiega 5,4 secondi mentre la velocità massima è di 254 Km/h. Porsche dichiara per questa motorizzazione un consumo nel ciclo combinato di 9.0 l/100 Km, 7.6 l/100 Km di consumo extraurbano e 11.6 l/100 Km in città.

porsche-macan-prova-su-strada-3

La Macan S Diesel è spinta da un V6 3.0 turbodiesel di derivazione Audi in grado di garantire alla vettura uno scatto 0-100 Km/h in 6,3 e spingerla alla velocità massima di 230 Km/h. Questa unità unisce prestazioni e consumi ridotti. L’elevata coppia di 580 newton metro a 1.750 giri/min permette un’accelerazione adeguata in qualsiasi situazione. La Macan S Diesel consuma 6.3 l/100 Km nel ciclo combinato, 5.9 l/100 Km nel ciclo extraurbano e 6.9 l/100 Km in città.

Per quanto riguarda i prezzi si parte dai 60.985 Euro di Macan S e Macan S Diesel mentre la Macan Turbo parte da 83.387 Euro.

Scopri le Offerte


    Trova l'auto giusta per te
    Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni relative ai servizi che mi interessano ai sensi dell’Informativa Privacy
    Leggi altri articoli in Primo Piano

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli correlati